Mobility

Nokia prende il controllo totale di Symbian

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Acquisendo il 52% delle azioni ancora in circolazione, il big della comunicazione pone fine all’esperienza del consorzio

La bella storia del consorzio Symbian si sta avviando verso la fine. Già detenuto al 48% da Nokia, ma aperto ad altri grandi attori della telefonia mobile (Sony Ericsson, Panasonic, Siemens e Samsung), il consorzio era stato fondato nel 1998, sotto l’impulso del big finlandese, per sviluppare un sistema operativo mobile standard e massicciamente diffuso.

Oggi, Nokia, che produce il 40% dei telefonini che circolano nel mondo, ha annunciato di voler sborsare 264 milioni di euro per il 52% delle azioni di Symbian, ovvero quello che resta per ottenere il controllo del 100% del consorzio. Gli altri partecipanti hanno già dato il loro assenso. Questo però non significa che i dispositivi mobili di Nokia saranno gli unici, d’ora in poi, a funzionare con il sistema operativo Symbian, che è diffuso su oltre il 50% degli smart phone. È stata infatti creata la Symbian Foundation, aperta a tutti gli operatori del mondo mobile e destinata allo sviluppo della piattaforma. Le varie Sony Ericsson, Motorola e Samsung si sono già associate con Nokia in quest’ambito, garantendo così il mantenimento dei presupposti di apertura che avevano caratterizzato il consorzio.

Un’altra importante novità è che Nokia andrà probabilmente a distribuire gratuitamente il sistema operativo, che fino a oggi necessitava di una licenza. Gli esempi di Android (Google) e degli Os Linux embebbed in vari dispostivi hanno suggerito di cambiare politica.

Con questa decisione, il costruttore nordeuropeo ha voluto riprendere il controllo di una tecnologia dalla quale dipende fortemente, mentre gli altri membri del consorzio non avevano mostrato una similare focalizzazione. Il costruttore, in particolare, ha pensato che gli sviluppi non stavano andando altrettanto velocemente di quello di concorrenti innovativi, con Apple e il suo iPhone in cima alla lista. L’esempio dello schermo tattile è emblematico: con Symbian non è praticamente possibile pensarlo, a causa della presenza di troppo menu.