Mobility

Nokia e Yahoo in partnership sui servizi mobili

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Nella partnership Yahoo diventa fornitore globale di Nokia per i servizi Ovi di messaggistica

Yahoo e  Nokia hanno annunciato una partnership che prevede uno scambio di tecnologie. Nokia diventerà il fornitore globale di Yahoo per i servizi riguardanti Mappe e navigazione, mentre Yahoo prenderà in gestione i servizi Ovi di messaggistica e email. Si tratta per le due società di colmare una serie di lacune reciproche sul fronte dei servizi in mobilità ai consumatori. Le offerte saranno a brand comune con una prima disponibilità entro al fine dell’anno e una disponibilità globale nel prossimo anno. Inoltre le due società stano lavorando di comune accordo per consentire agli utenti con ID Ovi di accedere a servizi e contenuti online di Yahoo.
“La capacità di offrire un’eccellente user experience, sia online che sul cellulare, è il fulcro di questa alleanza“, ha dichiarato Olli-Pekka Kallasvuo, CEO di Nokia. “consentiremo a milioni di utenti Yahoo nei più importanti mercati, incluso il Nord America, di scoprire le funzionalità esclusive di Ovi Maps. In modo analogo, le competenze online di Yahoo offriranno interessanti miglioramenti per e-mail e messaggistica a milioni di utenti di Ovi Mail in quasi tutti i Paesi del mondo, molti dei quali si avvicineranno per la prima volta a Internet utilizzando un cellulare”. Yahoo ha stretto un patto decennale con Microsoft, che riguarda il motore di ricerca Bing e l’advertising online. Ma Yahoo teme l’avanzata di Facebook, che l’ha superata nel mercato banner (dove non aveva osato neanche Google).