CloudMobile AppsMobile OSMobilityPaasSmartphone

Project Oxford: Microsoft offre le funzioni di Cortana agli sviluppatori

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Con Project Oxford gli sviluppatori possono usare alcune delle funzioni che sono alla base dell’intelligenza artificiale di Cortana, ora in beta pubblica

Qualche tempo fa Microsoft ha avviato Project Oxford, in sintesi lo sviluppo di una gamma di API, kit di sviluppo e servizi in cloud che mettono a disposizione degli sviluppatori alcune funzioni di machine learning per la comprensione del testo e il riconoscimento visivo, facciale e del parlato. Sono le stesse funzioni che Microsoft stessa usa per Cortana Analytics e per alcuni progetti interni. La novità è che dopo una distribuzione “controllata” tra alcuni utenti, ora i servizi di riconoscimento e comprensione del testo – più precisamente il LUIS, Language Understanding Intelligent Service – sono disponibili in versione beta pubblica e, inoltre, alcune API di Project Oxford sono state rilasciate su GitHub.

All’interno di Project Oxford, LUIS è la parte che si occupa di interpretare il testo, in particolare il parlato in linguaggio naturale. È un elemento importante perché l’interazione con computer, tablet e smartphone si sta sempre più spostando verso la parte vocale, che però è davvero funzionale solo se a monte c’è un sistema efficace di riconoscimento del parlato anche per espressioni complesse e imprecise. Questa comprensione deve poi essere convertita in azioni sensate.

project-oxford

LUIS è un “motore” per la comprensione del parlato che agisce come servizio online raggiungibile via HTTP da un’applicazione. Il suo compito non è solo riconoscere le parole pronunciate ma estrarne un significato che corrisponda a un’azione. Uno sviluppatore deve prima definire alcune frasi di base che corrispondano alle azioni di base previste dall’applicazione: partendo da queste LUIS può valutare con che probabilità una frase che non conosce corrisponda a una delle azioni possibili. Questo è un vero e proprio addestramento che lo sviluppatore può ottimizzare eseguendolo periodicamente anche online.

Gli altri elementi di Project Oxford che Microsoft ha rilasciato sono i Software Development Kit per usare nelle app per dispositivi Windows e Android le funzioni di riconoscimento facciale e del parlato e alcune altre funzioni automatiche per la gestione delle immagini.