MobilitySoftware

Microsoft vuole fare pace con Android

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Microsoft sistema i diritti con HTC per la sua tecnologia sugli smartphone Android. Primo di altri accordi dello stesso genere

Il mercato dei sistemi per la mobilità hardware e software è sempre più fluido e tutti parlano con tutti. Così Microsoft non resta ferma sulle attese per i prossimi terminali con Windows Phone 7 e conferma negoziati e accordi di copyright con diversi , ma ancora segreti, costruttori di smartphone in grado di far girare il sistema operativo Android. Tra l’altro di recente HTC , uno dei partner di Microsoft ma anche di Google, ha pagato a Microsoft i diritti d’uso sulla piattaforma Android di tecnologia brevettata dalla software house di Redmond.

Dal 2003 Microsoft ha stipulato almeno 600 accordi di licenza con aziende come HP  , Apple ed LG. Si tratta di accordi con il duplice scopo di creare alleanze e evitare cause legali di infrazione di brevetto come quelle sollevate da Apple contro HTC stessa e Nokia.

In generale sembra di leggere un atteggiamento più aggressivo da parte di Microsoft sul fronte dei brevetti e dell’open source del software sulla linea della protezione della sua proprietà intellettuale costantemente difesa in campo desktop. In questo caso una delle chiavi di lettura di questa offensiva di Microsoft sul fonte open source è il tradizionale nodo di Linux. Android si basa sul kernel 2.6 di Linux per i suoi servizi software di base , come sicurezza, gestione della memoria, modelli di driver.
E Ballmer in diverse occasioni parlando alla comunità degli sviluppatori Linux ha suggerito che questo sistema operativo open potrebbe violare diversi brevetti. Dunque con i suoi accordi con Microsoft HTC cerca, con la benedizione di Microsoft stessa, di mettere in posizione di sicurezza i suoi diritti per meglio affrontare Apple.
Ma anche a per Microsoft seguire da vicino Android non può che fare bene dato che Windows Phone è uno dei principali rivali del sistema operativo di Google.