EnterpriseMobile OSMobilityOfficeSoftware

Microsoft: ecco il successore di Elop (ora Nokia) a capo di Office

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Background tecnico per Kurt DelBene, il manager che in Microsoft guiderà lo sviluppo e l’evoluzione di Office

Microsoft annuncia dalla sede di Seattle la scelta del successore di Stephen Elop che ha lasciato a sorpresa il ruolo di capo della divisione Office per diventare numero uno di Nokia. Il ruolo lasciato libero da Elop è stato assegnato a un tecnico veterano di Microsoft, Kurt DelBene, che guidava la sezione sviluppo della divisione che lavora sui programmi Office, SharePoint ed Exchange.

Il ruolo di DelBene avrà alcune limitazioni rispetto a quello del predecessore. Non sarà suo compito supervisionare l’intero gruppo delle soluzioni aziendali che comprende anche la parte finanza, di supply chain e di CRM. Questa sarà guidata da Kirill Tatrinov. Entrambi risponderanno direttamente al Ceo Steve Ballmer.

Alcuni analisti giudicano la decisione come parte della strategia di Microsoft di assicurarsi che le posizioni di leadership nel business group vadano a persone con background tecnico. Come in molte grandi aziende spesso – e con qualche mugugno interno – le posizioni di vertice sono occupate da persone con background di tipo marketing. Primi fra tutti Ballmer e il COO Kevin Turner.

Una promozione interna ( Andy Lees) anche per la guida del business dei cellulari, in un momento in cui Windows Phone è particolarmente sotto osservazione. Ma secondo alcuni esperti si tratta di una soluzione provvisoria in attesa di capire l’andamento del lancio della nuova piattaforma.