Mobility

I cellulari non soffrono la crisi economica

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Anche Strategy Analytics conferma lo strapotere di Nokia e il declino di Motorola

Nonostante la crisi gli utenti fanno importanti aggiustamenti nelle loro preferenze, evitando le funzionalità più spinte e costose, ma continuano a comprare cellulari  (282 milioni di pezzi).

In singolare concordanza le società di analisi di mercato segnalano un nuovo record di vendite di cellulari anche per il primo trimestre di quest’anno. Dopo quello di Gartner, il dato più recente è quello di Strategy Analytics che attribuisce a Nokia la prima posizione con un incremento della sua quota di mercato fino a raggiungere il 41%.

La coreana Samsung mantiene il secondo posto con il 16% , consolidando il suo vantaggio sulla sempre più declinante Motorola che stringe i denti per mantenere il terzo posto con un market share del 10%. La domanda nasce forte dai paesi emergenti di Africa e Asia e qui colgono i loro successi soprattutto le aziende coreane , con LG e Samsung che crescono ad un ritmo di quattro volte superiore a quello del mercato.

Ormai per Motorola si avvicina anche il pericolo di un ulteriore sorpasso da parte di Lg che ha una quota di mercato ormai prossima al 9 %. Per Nokia le stime di valore assoluto di Strategy Analytics confermano il dato dei 115 milioni di pezzi venduti , anche se Nokia ha rilascaito una stima più conservativa sulla propria quota di mercato con il 39 %.
La stima degli analisti per il prossimo trimestre è di un mercato mondiale che vedrà la vendita di 290 milioni di unità.