ComputerMobilityWorkspace

HP Z8 G4, così si rinnovano le workstation per la realtà virtuale

Nel 1998 inizia la sua esperienza nel mondo IT in Mondadori e partecipa alla nascita di Web Marketing Tools di cui coordina la redazione. Redattore esperto di software per PC Magazine, e caporedattore di ComputerIdea, segue da circa 20 anni l’evoluzione del mondo hardware, software e dei servizi IT in un confronto continuo con le aziende leader del settore

Sono disponibili dal mese di ottobre le nuove workstation HP serie Z di quarta generazione. HP Z8 e Z6 arrivano anche con doppio processore e sistema di raffreddamento potenziato. Tutte si presentano con il nuovo design

HP Z8 G4 è la nuova declinazione del top di gamma nell’ambito delle workstation da scrivania, secondo il vendor americano. Al centro dei criteri primari di progettazione per questi modelli sono stati la sicurezza e la potenza per soddisfare le esigenze dei professionisti (dagli architetti agli scienziati) nell’ambito della realtà virtuale, del machine learning, e della progettazione tout court. 

Per quanto riguarda la sicurezza i sistemi HP di questa famiglia includono HP SureStart (rilevamento delle intrusioni a livello BIOS) e HP Client Security Suite a protezione della proprietà intellettuale. Per quanto riguarda la potenza, i progetti sono stati rivisitati a partire proprio dal design delle workstation tower, con tecniche di produzione e materiali avanzati in modo da ospitare prima di tutto le nuove porte Thunderbolt 3, connettività Dual 1 GbE, e – qui si vede quanto ancora sia gradito – Windows 7 per i flussi di lavoro legacy, che pure sussistono e in tanti casi restano fattore per la continuità del business. La struttura modulare delle nuove workstation prevede porte USB 3.1 G2 Type C e sui modelli maggiori, appunto HP Z8 G4 e Z6 è previsto il supporto per la doppia Cpu.

La collezione di Workstation HP serie Z
La collezione di Workstation HP serie Z

I dati di targa del sistema HP Z8 G4 sono tali da legittimare qualsiasi impegno professionale nell’ambito delle simulazioni 3D, dell’elaborazione video 8K real-time, con la gestione fino a 56 processi core, grazie anche al supporto fino a 3 TB di memoria principale (il triplo rispetto alla generazione precedente). Sono stati riprogettati per il raffreddamento tutti i condotti di ventilazione che inviano aria più fresca alla seconda Cpu invece di sfruttare l’aria calda espulsa dalla prima Cpu.
L’accesso rapido è garantito all’alimentatore da ben 1700W!! dal lato posteriore con un semplice meccanismo di sblocco, così come ai moduli DIMM, con la disponibilità di 9 slot PCIe (7+2).

HP Z8 G4
HP Z8 G4

Anche i modelli “minori” hanno seguito la medesima filosofia di sviluppo. Il modello HP Z6 G4 può ora ospitare 384 GB di memoria di sistema e doppi slot M.2 per le unità SSD PCIe HP Z Turbo Drive, può ospitare un secondo processore, e dal punto di vista prestazionale segnala larghezza di banda della memoria superiore del 67 percento, + 27 percento percapacità di calcolo dei core dei processori e larghezza di banda di I/O PCIe superiore del 22 percento (rispetto al modello Z640).

HP Z8 G4 - Vista posteriore
HP Z8 G4 – Vista posteriore

HP Z4 G4 dovrà raccogliere la sfida dei modelli precedenti, le workstation più vendute da HP. Questa proposta prevede l’utilizzo di un’unica Cpu, per esempio i nuovi Intel Xeon W, ideali per ambienti CAD, mantiene la doppia connettività di rete 1 GbE e la possibilità di sfruttare un doppio slot M.2 per la RAM. Tra le porte frontali è possibile scegliere l’aggiornamento con due porte USB 3.1 G2 Type C, da noi sempre consigliato. 

Le nuove workstation arrivano a ottobre. HP Z8 G4 a partire da 4.500 euro, HP Z6 da 2.500 euro e la “piccola” Z4 sarà disponibile a partire da 2.000 euro.