Mobility

Google apre l’applicazione ReMail

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Google mette a disposizione della comunità open source il codice dell’applicazione mobile ReMail , di recente acquisizione. Attesa una versione per Android

Google ha deciso di rendere open source il codice dell‘applicazione ReMail  che ha acquisito di recente per rafforzarsi nel mondo della mobilità. Si tratta di un’applicazione che consente agli utenti di iPhone di scaricare l’e-mail e di condurre una ricerca full text sulla posta elettronica.
L’applicazione è considerata da molti utenti del popolare smartphone la migliore applicazione del suo genere. Google aveva dovuto affrontare molte critiche per aver rimosso l’applicazione ReMail per iPhone dall’App Store di Apple con l’idea di discontinuarla e lasciarla usare unicamente ai vecchi utenti. Ora , dopo che chi aveva scritto l’applicazione era ritornato all’interno del team di sviluppo di Gmail, è stata scelta l’opzione di rende l’applicazione aperta agli sviluppatori interessati a partire dal codice attuale di ReMail per realizzare altre applicazioni relative all’e-mail in mobilità .

Gli analisti di mercato segnalano la mossa di Google di offrire il codice sul sito Google Code come l’avvio di un nuovo trend in alternativa rispetto al passato quando alcune applicazioni furono semplicemente cancellate . A questo punto il mercato si attende una versione di ReMail per smartphone in ambiente Android.