EnterpriseMobility

Gli smartphone sono costosi , ma piacciono

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

E salvano la crescita del mercato dei cellulari e i conti delle società che li producono

La domanda di smartphone non dà segni di cedimento. La conferma arriva da Strategy Analytics : il mercato smartphone è in crescita del 30% anno su anno, pari a 53 milioni di unità nell’ultimo trimestre. “La forte concorrenza metterà inevitabilmente pressione al ribasso sui prezzi e i margini dei venditori” ha commentato la società di analisi.

Crescita record per i tre grandi del mondo smartphone: Nokia , Rim e Apple. Per uno strano paradosso, mentre gli economici netbook hanno tenuto a galla il mercato dei personal computer , è toccato ai cellulari più costosi a sostenere la crescita dei telefoni mobili. Nokia  , che vende più smartphone di Rim e Apple messi insieme, ha venduto secondo la società di analisi 20,8 milioni di smartphone nel trimestre chiuso a dicembre, con un incremento del 38% da un anno fa (la quota di mercato degli smartphone è salita nel trimestre al 40% contro il 35% del terzo trimestre).
Rim ha venduto 10,7 milioni di Blackberry nel trimestre di dicembre, mantenendo le distanze dagli 8,7 milioni di iPhone di Apple. Htc ha infine detto di temere che la maggiore concorrenza conduca a un calo nel margine di utile lordo nel primo trimestre del 2010.

A conti fatti per tutto il 2009 , Rim ha venduto 34,5 milioni di Blackberry con una quota di mercato del 19,8%. Apple ha venduto nell’anno un totale di 25,1 milioni di iPhones con una quota di mercato del 14,4 %.