EnterpriseMobility

Ethernet verso i 100 Gigabit

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

L’organizzazione IEEE ha ratificato lo standard 802.3ba, che permette al protocollo Ethernet di raggiungere velocità di 40 e 100 Gbps. I primi a trarne giovamento saranno gli operatori di telecomunicazioni e in un secondo tempo i data center aziendali

L’organismo di normalizzazione IEEE ha ratificato lo standard 802.3ba che definisce definitivamente le versioni a 40 Gigabit al secondo e quelle a 100 Gbps del protocollo Ethernet ( 40/100 GbE) mantenendo la computabilità con le più lente versioni precedenti.
Come si ricorda, il protocollo Ethernet ha iniziato a farsi strada un quarantina di anni fa sulle prime reti locali per poi estendersi a tutte le altre reti e a quelle degli operatori di telecomunicazioni. Si tratta di un protocollo di rete che si è fatto progressivamente strada su altri , soprattutto per le reti geografiche : la ratifica delle nuova velocità interessa soprattutto i carrier che sono alle prese con la creazione di reti di nuova generazione in fibre ottiche .
Il trasporto delle informazioni via Ethernet si sta rivelando semplice ed economico. In questo momento i carrier aggregano linee a 10 GbE.
Ma stanno anche crescendo le esigenze dei data center e dei loro server in questo momento bloccati sui collegamenti a 1 GbE , anche se stanno cominciando ad affacciarsi sul mercato le schede a 10 e 40 GbE.