Mobility

Ciena per le reti ottiche pronta anche in Italia

Giornalista. Ha collaborato con TechWeekEurope IT fin dal suo inizio

Follow on: Google +

Bertelli (Ciena): Ciena dispone ormai di team, competenze e risorse. Le competenze per operare sul mercato italiano sono complete

Mentre continua la guerriglia sulla futura rete di nuova generazione , i fornitori di soluzioni di tlc rafforzano la loro presenza e le loro attività di marketing sul mercato italiano. Tra le aziende che pensano di avere le carte in regola per offrire soluzioni ex novo o per accompagnare i carrier alla fornitura di servizi nuovi su reti in via di transizione tecnologica vi è anche l’americana Ciena. Per farlo Ciena si è attrezzata nello scorso anno con l’acquisizione delle soluzioni di networking e trasporto ottiche di provenienza Nortel, in particolare nelle reti ottiche metropolitane. Nello scorso mese di marzo l’acquisizione degli asset nell’area dell’optical networking e delle soluzioni Carrier Ethernet dalla divisione Metro Ethernet Networks di Nortel si è definitivamente conclusa , ha cambiato radicalmente il portafoglio di offerta di Ciena che è diventata – come afferma Umberto Bertelli, managing director per l’Italia della società – un fornitore globale completamente focalizzato sulle tecnologie ottiche convergenti su protocollo Ethernet, in grado di costituire la base per reti di nuova generazione il cui sviluppo è guidato da servizi e applicazioni.

ciena_regionaldirector_umberto_bertelli_high_res0-166x185.jpg

Umberto Bertelli, managing director per l’Italia

Ma c’è di più, e Bertelli aggiunge di ritenere Ciena il primo fornitore americano e il terzo a livello mondiale in ambito reti ottiche. A fronte dell’acquisizione Ciena dispone ora di una base di 800 clienti in 60 paesi . La tecnologia di Ciena per il trasporto a lunga distanza dei pacchetti di Ethernet è sta scelta da AT&T. Secondo voci di mercato Ciena ha scalzato Nokia Siemens Networks , perché tra gli asset ex MEN di Nortel è stata proprio la tecnologia di trasporto a 100 Gbps ad attirare il carrier americano . Come si legge in un documento reso pubblico da Ciena, in un momento in cui l’accesso anche mobile migra verso Ethernet , “costruire un’infrastruttura di rete Carrier Ethernet (utilizzando standard definiti dal Metro Ethernet Forum) mette a disposizione degli operatori una strategia low-cost di lungo termine per sostituire la loro infrastruttura SDH esistente, mantenendo allo stesso tempo un’affidabilità di livello carrier”. Ma c’è anche un altro aspetto dell’offerta di Ciena che Bertelli tiene a sottolineare: “ Se gli operatori sono alle prese con un momento di trasformazione e con nuovi modelli di competizione sul mercato , Ciena è in grado di fornire soluzioni intelligenti per nuovi servizi a fronte di investimenti non rilevanti”.

In Italia Ciena dispone ormai di team, competenze e risorse: “ Le competenze per operare sul mercato italiano sono complete. Sulle reti di prossima generazione stiamo intervenendo in forma consulenziale presso i nostri clienti. Gli operatori devono fare fronte a trend di traffico inaspettati. La nostra offerta permette loro di implementare servizi nuovi con time to market più veloce,ad esempio nella riconfigurazione veloce dei servizi verso il mondo consumer. Disponendo di software intelligente con alto livello di automazione si pososno erogare nuovi servizi. Abbiamo la capacità di consigliare e fare auditing degli asset del cliente , monitorandole prestazioni”.
Quanto ai 100 Giga – conclude Bertelli – tutti i carrier stanno indirizzando le reti in un‘ottica di migrazione ai 100 Gbps. La soluzione ex Nortel permette sia il passaggio diretto a questa cpacità di banda sia una soluzione intermedia con la tappa dei 40 Gbps”.