EnterpriseMobile OSMobilitySmartphone

Android in ascesa prima di iPhone 4

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Google Android guadagna quote di mercato Usa nel trimestre che precede l’arrivo di iPhone 4. Blackberry è sempre il leader degli smartphone in Usa

Ultimi dati sul mercato americano degli smartphone , il più competitivo e in qualche modo indicativo anche per l’Europa. Gli smartphone con sistema operativo Android hanno guadagnato quo te di mercato , mentre Apple, Microsoft, RIM (Blackberry) hanno ceduto leggermente. Ma il periodo di osservazione della società di analisi Comscore riguardava il periodo febbraio – maggio 2010 , che precedeva l’annuncio di iPhone 4 e di diversi nuovi smartphone Android. Negli Usa Blackberry continua ad essere il numero uno con il 41,7% del mercato e una piccola erosione dello 0,4%. Apple occupava il secondo posto con il 24,4% (-1%). Microsoft scivolava a una quota di mercato del 13,2 %.

Durante il medesimo arco temporale la quota di mercato Android è cresciuta dal 9 al 13 %. Il bacino degli utenti americani che utilizzano smartphone è di 49 milioni di persone. I numeri cambieranno già con i dati del trimestre che inizia a giugno grazie agli annunci di iPhone ( 1,7 milioni di pezzi venduti dal 24 giugno) e di un robusto numero di smartphone Android. Il resto è storia di questi giorni: i problemi di antenna e di ricezione di iPhone 4 e l’arrivo di Droid X di Motorola e di Galaxy S di Samsung .
La forza di Android ha ricevuto una conferma dai risultati di di Htc : profitti di 268 milioni di dollari nel secondo trimestre 2010.