MobilitySoftware

Android ha tanti sapori. Ma la versione 2.2 saprà di Flash

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Google, in contrasto con Apple, afferma che la versione 2.2 di Android supporterà completamente Flash: Anche Microsoft con Apple a favore di Html 5 , ma definisce il ruolo di Flash come importante

Flash di Adobe è lo standard de facto per la multimedialità sul web. Apple ha più volte rifiutato di supportare questa tecnologia sia su iPhone sia sul tablet iPad. Ma ora entrano in gioco Google e Android , le cui versioni, che avanzano in ordine sparso, dispongono di una forte adozione anche se stanno confondendo sia sviluppatori di applicazioni che consumatori. Le versioni di Android al momento sono quattro dalla 1,5 alla 2.1.
Infatti Andy Rubin, che guida lo sviluppo di Android dopo aver venduto nel 2005 la sua azienda con il medesimo nome, ha dichiarato che Android 2.2 , nome in codice Froyo . supporterà totalmente Flash. A questo punto gli sviluppatori di applicazioni avranno poco lavoro per adattatore il loro web ad Android. Insomma ancora un volta Google contro Apple, che d’altra parte si è schierata pubblicamente per Htlm 5.0 per la multimedialità sul web. Come del resto hanno fatto da tempo anche Google e Microsoft. 
Rubin ha esplicitamente indicato che Google non possiede API riservate. Quanto il team di sviluppo di Android produce per proprio uso è di uso gratuito anche per gli altri. Quello che Apple costruisce , lo costruisce per sé e lo protegge fortemente con ogni tipo di restrizioni. E quando i programmatori scrivono software per App Store devono seguire alla lettera le regole di Apple.