Mobility

Alcatel-Lucent: 3000 giga sotto i mari

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Un passo avanti nella velocità dei sistemi di trasmissione sottomarini, realizzato su una rete reale sotto l’Atlantico

Alcatel-Lucent e Apollo Submarine Cable System, uno dei principali operatori di sistemi di trasmissione via cavo transatlantici, hanno annunciato un nuovo record di capacità trasmissiva : quasi 3 Terabit al secondo (3 mila Gigabit al secondo ) su una coppia in fibra su canali a 40 Gbit/s. Il record, ottenuto su una rete di oltre 6700 Km tra Usa e Gran Bretagna, è stato ottenuto raddoppiando le prestazioni di un sistema realizzato originariamente per canali a 10 Gbit/s.

Il risultato ottenuto permette di far fronte alla necessità di incremento della capacità delle reti mondiali ormai vicine alla saturazione e risponde anche all’emergente richiesta di connessione delle nuove reti terrestri (“backbone” da 40 Gbit/s, mantenendo anche il traffico da 10 Gbit/s sulle connessioni transcontinentali esistenti. In sostanza su un sistema esistente, progettato per i servizi trasmissivi a 10 Gbit, si apre la strada alle connessioni, ormai crescenti, a 40 Gbit/s dei grandi backbone terrestri.

I vantaggi sono evidenti: un sistema in grado di “contenere” sia i flussi tradizionali a 10 Gbit/s sia quelli “nuovi” a 40 Gbit/s, senza far rallentare le reti che portano traffico dati e Internet sempre più esigente, tra applicazioni video, multimediali, Web 2.0.