ComputerLaptopMobilityWorkspace

HP Inc. svela i nuovi sistemi di computing per l’ufficio del futuro

Nel 1998 inizia la sua esperienza nel mondo IT in Mondadori e partecipa alla nascita di Web Marketing Tools di cui coordina la redazione. Redattore esperto di software per PC Magazine, e caporedattore di ComputerIdea, segue da circa 20 anni l'evoluzione del mondo hardware, software e dei servizi IT in un confronto continuo con le aziende leader del settore

HP presenta la nuova line-up nel segmento commercial. Punta di diamante l’ultraportatile Elitebook Folio G1. Savorelli (HP Inc.) racconta la strategia per il 2016

E’ come un nuovo corso quello di HP Inc. che ogni mese oramai propone nuovi modelli per il computing professionale e non. Era di Novembre 2015 l’annuncio di Hp Elite X2 1012; ancora prima a settembre abbiamo assistito agli annunci sia per il segmento consumer, sia per il commercial, a Città del Messico, e ora ecco le nuove proposte dal CES di Las Vegas con in primo piano il nuovo HP EliteBook Folio G1, HPSpectre Pro X360 G2, e i modelli Hp Elitebook Folio 1040 G3 e 800 G3 (oltre al modello all-in-one Envy ProCurve).

Giampiero-Savorelli-Hp_Evidence
Giampiero Savorelli è General Manager Personal Systems per HP Inc Italy

Giampiero Savorelli è General Manager Personal Systems per HP Inc Italy, responsabile in Italia per pc, tablet, workstation, tutti i device del mercato commercial e consumer – e lancia subito un messaggio chiaro: “Innovazione è il tema più importante, in questo momento che ci vede leader nel mercato commercial con una quota superiore al 30 percento, secondo i dati IDC” . HP vuole ulteriormente accrescere questa quota puntando sul valore della proposta, sul comparto workstation, e ovviamente sugli annunci del giorno tutti legati al mantra del vendor, e cioè la proposta di soluzioni per l’ufficio del futuro con a bordo tutti gli strumenti per la collaboration, in piena sicurezza.

Le novità più recenti di HP in ambito Commercial
Le novità più recenti di HP in ambito Commercial

E’ tendenza oramai consolidata quella del lavoro in mobilità, con postazioni non più fisse, in un ambiente il più possibile connesso (per abilitare con efficacia la possibilità di meeting virtuali) e con una separazione sempre più sottile tra vita privata e lavorativa. HP indirizza questi trend nei suoi prodotti con una strategia ripartita su tre binari (sia per il commercial sia per il consumer). Il primo è il Core – prodotti di qualità elevata nel segmento business, con un bassissima percentuale di guasti – il secondo segmento è quello legato alla crescita della cosiddetta Commercial Mobility – con i due in uno, i detachable, i tablet e i convertibili, che indirizzano le esigenze dei clienti che stanno migrando dai notebook – si tratta di un mercato che secondo IDC raddoppia trimestre su trimestre. Terzo binario, spiega Savorelli, è il futuro: “Uno dei vantaggi della ‘separazione’ è proprio la focalizzazione sugli investimenti di ricerca e sviluppo, per esempio per la stampa 3D, e il sistema Sprout. I modelli appena presentati serviranno a spingere il primo trimestre fiscale del 2016 per HP Inc. già iniziato, così come lo faranno, in ambito consumer, i modelli con cui HP vuole guadagnare quote nel segmento dei computer con un prezzo superiore ai 700 euro, la fascia premium.

Banche e assicurazioni sono le verticalities più sensibili alla proposta due in uno di Hp nella mobility, per esempio sul modello Hp Elite X2 1012 già presentato. Vi sono tuttavia modelli perfetti per soddisfare sia le esigenze consumer che business, come per esempio il modello Hp Spectre X360 (prezzo superiore ai 1200 euro).

Secondo Savorelli un punto importante della strategia è proprio rendere orgogliosi gli utenti dei sistemi di computing utilizzati. Se Design, Sicurezza e Collaboration sono i tre pilastri dell’offerta di computing per l’ufficio del futuro, ecco allora i modelli con rifiniture Diamond Cut, completamente di metallo, con una fresatura lucida sugli spigoli, molto eleganti.

Ecco allora i il sistema di protezione del Bios Sure Start, un’antica conoscenza in casa HP (è nato a fine 2013) anche nella versione Dynamic con verifica dell’integrità del Bios ogni 15 minuti, ecco allora l’integrazione delle soluzioni Skype anche a livello di tastiera per l’accesso immediato, da cui la docking station comune nei prodotti commercial e ora anche nella declinazione con interfaccia USB-C, anche per i modelli business meno costosi.

HP Elitebook Folio G1 e la nuova proposta commercial

Il primo è HP Elitebook Folio G1, peso inferiore a 1 Kg, con i suoi 12 mm di spessore, Intel Core M, con display (touch e non, QHD) reclinabile fino a 180 gradi, suono Bang & Olufsen, 10 ore di autonomia tastiera predisposta per Skype, Cpu Intel Skylake Core M. E’ ovviamente equipaggiabile con accessori come la docking station USB-C (il device dispone di due porte USB-C con Thunderbolt 3) per renderlo ancora più completo e PowerBank per una maggiore autonomia.

HP Elitebook Folio G1
HP Elitebook Folio G1

Hp Elitebook Folio 1040 G3 invece è un ultraportatile con display da 14 pollici, 1,4 Kg di peso, Intel Skylake Core i3-5-7 e sempre dischi SSD.  Elitebook Folio 1040 G3 è estremamente versatile per la disponibilità di porte (sia USB 3.0 che USB-C per esempio), pur con uno spessore di 15,8 mm, ancora con chassis completamente di metallo. E come il G1 – e tutti questi modelli – testato secondo gli standard militari 810G (uno dei motivi per cui ancora non vediamo sui nuovi sistemi commercial cornici ultrasottili attorno al display). Hp Spectre X360 Pro G2 arriva a gennaio con spessore tra 15 e 8 mm con autonomia della batteria fino ad addirittura 13 ore con display 13,3 pollici touch e possibilità di ruotare il display fino a 360 gradi, come spiega il nome.

Hp Elitebook 1040 e Spectre X360 G2
Hp Elitebook 1040 e Spectre X360 G2

Vi sono poi modelli meno costosi, ma molto interessanti per la completezza della dotazione. E’ di serie l’attenzione per la compatibilità delle interfacce con il passato – per esempio sopravvivono VGA, Ethernet ed è presente Display Port standard pur sempre accompagnata da almeno una presa USB-C.  Sono questi i modelli della famiglia Elitebook Folio 800 G3: 820-840 e 850 a seconda della diagonale del display, ma ancora con risoluzioni elevatissime, anche QHD. Un significativo refresh dei modelli di generazione precedente.

Il design è stato rivisto, sono sistemi molto belli da vedere (slideshow), hanno sì la base in policarbonato nero, ma sono comunque eleganti con la parte superiore grigio chiara, pesano circa 1,5 kg/1, 9 Kg a seconda della diagonale. Ovviamente possono sfruttare la medesima docking station dei modelli più prestigiosi.  Tutti questi laptop e ibridi arriveranno anche in Italia nei primi tre mesi dell’anno appena iniziato.

Per quanto riguarda le strategie di distribuzione, tutti i modelli saranno disponibili sul canale, e attraverso i rivenditori e ovviamente anche su HP Store, online; considerate le specificità del nostro mercato (ma anche all’estero) sono in corso di valutazione iniziative per proporre i modelli migliori, anche dell’ambito commercial, in aree dedicate, per attirare i clienti prosumer anche nei punti vendita. HP Elitebook Folio arriverà in Emea da marzo a partire da 999 euro, Elitebook 1040 G3 da gennaio a partire da 899 euro e Elitebook 800 G3 sempre da gennaio a partire da 799 euro.