Quantcast
L´IT al servizio della tua impresa

Quali e quante sono le CAL necessarie?

hub-20.1

La nuova struttura di licenze basata sui core e introdotta con Windows Server 2016 richiede la giusta attenzione anche sul corretto numero di CAL da assegnare ai clienti. Una guida per non sbagliare

Per quanto notevolmente semplificato, il sistema di licensing per Microsoft Windows Server 2016 richiede ancora tanta attenzione. Se infatti il nuovo modello si basa sostanzialmente sul numero di core, non manda però per nulla in pensione le “famigerate” CAL, Client Access Licenses. Infatti, i clienti che lavorano in ambiente Win Server su tutta la linea HPE ProLiant avranno bisogno di una CAL per utilizzare il sistema operativo a norma di legge, senza infrangere le policy relative.

Sappiamo che con Windows Server 2016 Datacenter e Standard Edition si sono stabiliti i seguenti punti cardine:

  • Tutti i core fisici nel server devono essere provvisti di licenza. La concessione della licenza nei server avviene in base al numero di core di processore nel server fisico.
  • Sono necessarie almeno 16 licenze core per ciascun server.
  • Sono necessarie almeno 8 licenze core per ciascun processore fisico.

• Le licenze base di Windows Server di Hewlett Packard Enterprise (HPE) coprono sedici core, sono inoltre disponibili licenze aggiuntive per tutte e due le edizioni, Standard e Datacenter, in pacchetti di due, quattro e sedici core.

Principi di base per il licensing di Windows Server 2016
Principi di base per il licensing di Windows Server 2016

Solo per Windows Server 2016 Essentials Edition non sono necessarie licenze CAL di Windows Server. Quindi è importante comprendere bene di cosa parliamo.

Cosa sono le CAL, come si usano

Ai non addetti ai lavori specifichiamo che la CAL non è un software, piuttosto una vera e propria licenza per accedere ai servizi del server con i giusti diritti, non solo, esistono anche CAL di vario tipo ognuna con sue caratteristiche. Per questo spieghiamo tutto punto a punto.

La prima tipologia di CAL è la più semplice anche da gestire e comprendere ed è la cosiddetta User CAL. E’ la soluzione migliore per le aziende con risorse umane che hanno bisogno di un accesso random alla rete, da diversi dispositivi, anche non aziendali. Si acquista una CAL per ogni utente che avrà accesso al server per utilizzare servizi anche semplicemente a livello di archiviazione file o risorse come possono esserlo le stampanti.

L’utente potrà accedere a queste risorse con tutti i dispositivi che vuole. Si tratta di CAL “a valore” perché consentono il massimo della flessibilità per utente e una volta contati gli utenti e assegnata ad ognuno una CAL non si dovrà pensare ad altro.

Si può però ragionare anche con una prospettiva diversa. Si pensi per esempio a quelle aziende in cui a girare tra gli addetti sono sempre i medesimi dispositivi che sono utilizzati però da utenti diversi. In questo caso la proposta più intelligente è quella che prevede l’assegnazione di una Device CAL a un dispositivo che potrà accedere al server indipendentemente dal numero e da chi sono gli utenti che accedono. In questo caso una volta mappati tutti i dispositivi che accedono ai server aziendali e licenziati quelli tutto torna.

Le tipologie di CAL
Le tipologie di CAL

Purtroppo o per fortuna, dipende dai punti di vista, le prime due tipologie di CAL non assolvono a tutti gli scenari. Infatti, allorquando si sfrutta un Servizio da Desktop Remoto ((RDS, Remote Desktop Service) è necessario che ogni utente sia in possesso anche di una RDS CAL per accedere a programmi o all’intero desktop da remoto.

Quindi in questi casi sarà necessario avere una Windows Server CAL, o di tipo User o di tipo Device CAL, ma insieme ad essa anche una RDS CAL. HPE ovviamente vende direttamente o tramite i suoi rivenditori pacchetti di CAL da 5,10, 50 licenze.

Sappiamo bene di non avere ancora assolto al nostro compito, perché un conto è avere il giusto numero di licenz, un’altra cosa usarlo nel modo corretto.

Prima di tutto ripetiamo che il nuovo sistema di licensing di Windows Server 2016 basato sui core non manda in pensione le licenze CAL, che sono di due tipi: User CAL e Device CAL. Inoltre nel caso di accesso a servizi da remoto a una di queste due licenze è spesso richiesto di aggiungere una RDS CAL, come abbiamo appena spiegato. La buona notizia invece è che quando si acquista una licenza del sistema operativo almeno non è richiesto anche di avere subito le idee chiare sul numero di utenti che le dovranno usare. Le CAL si possono acquistare all’occorrenza e non prima e non richiedono l’acquisto abbinato di una nuova licenza server.

Invece non è possibile avere a disposizione CAL di Windows Server in una versione precedente a Win Server 2016 per accedere a Win Server 2016. Con le CAL di Win Server 2016 si potrà accedere però anche alle versioni precedenti del sistema operativo.