Enterprise

Torino investe nella sicurezza urbana

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

La tecnologia di Sas aiuta la città a monitorare la situazione per aumentare la tutela dei cittadini e il presidio del territorio

I cittadini chiedono sicurezza e le autorità pubbliche torinesi chiamano in forze anche le tecnologie. Con l’obiettivo di integrare nella citta uno strumento dimonitoraggio dinamico delle condizioni dei territori e della percezione delle persone, Torino ha scelto la tecnologia Sas per realizzare un sistema permanente di monitoraggio delle condizioni di sicurezza urbana, che è in grado di fornire una fotografia dinamica e complessa dei fenomeni e di offrire all’Amministrazione Comunale una lettura interpretativa orientata ad identificare le priorità di intervento sul territorio.

Partner tecnologico del progetto Csi Piemonte ha supportato il progetto basato sulla soluzione Sas che, basata sull’analisi di tutti i fattori che concorrono a rendere alcuni territori più esposti ai problemi d’ insicurezza, fornisce un supporto sia conoscitivo che metodologico agli interventi programmati, in questo campo, dall’Amministrazione Comunale, integra le informazioni strutturali, provenienti dai data mart già in possesso della Città di Torino, con quelle di natura percettiva che giocano un ruolo fondamentale nella tematizzazione della sicurezza a livello locale.

Il sistema fornisce una chiave di lettura centralizzata delle informazioni raccolte e consente di rappresentare le informazioni calcolate nelle sotto-dimensioni territoriali in cui è suddivisa la città. L’applicativo è basato inoltre sulla regressione logistica, in cui la percezione di sicurezza, rilevata attraverso un’indagine di tipo demoscopico, viene trattata come una variabile dicotomica per valutare quali variabili possano essere incluse nel modello e quindi concorrere ad aumentare il rischio di insicurezza del cittadino.

Secondo i responsabili del progetto, il beneficio per gli utilizzatori dell’applicazione è calcolabile in termine di prevenzione della rischiosità: una maggiore conoscenza dei fenomeni di natura criminosa, in termini di numerosità e di luoghi dove questi si verificano, correlata alle aree dove più alta è la fragilità territoriale, consente di mettere in atto azioni volte ad aumentare la sicurezza dei cittadini e del territorio.