Enterprise

Telecom e Telefonica verso una fusione?

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Per ora si tratta ancora solo di un’indiscrezione, seppure sempre più insistente: l’accordo di fusione tra Telecom e Telefonica potrebbe concretizzarsi entro i prossimi tre mesi

C’è aria di fusione fra Telecom e Telefonica. Premettiamo: sono solo rumors, indiscrezioni, prive di conferme. Ma l’operazione di fusione fra Telecom e Telefonica potrebbe avvenire entro tre mesi. Anche se una fusione dovrebbe superare uno scoglio, fino a ieri insormontabile: l’italianità di Telecom e soprattutto della rete. Lo riporta La Repubblica.

La spagnola Telefonica detiene il 46,2% della holding Telco, che controlla il il 22,447% del capitale di Telecom Italia (dati odierni Consob). Ma la Spagna, dopo la conquista di Cuatro da parte di Mediaset e l’acquisizione di Endesa da parte di Enel (per non parlare della debacle della fusione Abertis – Autostrade), vanterebbe un credito verso l’Italia.

Telco, la holding che controlla Telecom Italia, è in mano agli spagnoli di Telefonica e a una cordata bancaria italiana (Mediobanca, Generali, Intesa Sanpaolo e Sintonia dei Benetton). Telco è partecipata da Telefonica, Generali, Mediobanca e Intesa Sanpaolo (di recente è uscita Sintonia che deteneva l’8,4% di Telecom).

Di traverso all’attuale impasse di Telecom Italia, c’è infine la vicenda argentina del braccio di ferro Antitrust di Telecom: Buenos Aires ha perfino minacciato di revocare la licenza di Telecom Argentina.

“(…) Si potrebbero sfruttare le sinergie tra le due società con vantaggi per tutti gli azionisti, nel secondo caso saremmo di fronte a una manovra esclusivamente finanziaria che danneggerebbe Telecom, per esempio in Sudamerica, e comporterebbe vantaggi soltanto per Telefonica. In questo caso saremmo pronti a dare battaglia in tutte le sedi e ricorrendo a tutte le armi di cui disponiamo“, ha spiegato Marco Fossati (di Findim, che detiene il 5%) a Milano Finanza. Il che significa che l’operazione non deve passare sopra la testa dei piccoli azionisti (pari al 77% del capitale), ma dovrebbe avvenire secondo logiche di mercato, con il lancio di un’offerta sul 100% del capitale Telecom Italia.

A novembre Telecom Italia ha confermato la cessione di Hansenet a Telefonica per 900 milioni di euro.