EnterpriseStart upWorkspace

Office 2010 va a rilento rispetto a Office 2007

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Le vendite di Microsoft Office 2010 arrancano dietro a quelle della versione 2007 secondo una ricerca di NPD Group

A due settimane dal lancio le vendite di Office 2010 a consumatori e aziende si sta rivelando una corsa in salita secondo le analisi di NPD Group. La nuova suite di produttività individuale arranca dietro alle vendite nello stesso periodo dal lancio di Office 2007. In unità e in fatturato in dollari Office 2010 non è in linea con le prestazioni di Office 2007. Come parte di Office 2010 Microsoft ha rilasciato Office Web Apps che permettono agli utenti di visualizzare ed editare i documenti online. Molti esperti hanno visto l’offerta di soluzioni cloud based ( gratuita per gli utenti di Windows Live) come un tentativo di Microsoft di mitigare l’impatto potenziale di Google Docs che potrebbe crescere in popolarità mano a mano che si allarga l’adozione delle applicazioni in cloud computing.
Tuttavia , secondo gli analisti di NPD, le vendite deludenti di Office 2010 non sono da imputare all’appeal delle Apps di Google, perché questo tipo di prodotti non son ancora entrati nella mentalità dell’utente medio che è un consumatore al dettaglio di software pacchettizzato. Microsoft potrebbe essere vittima del suo stesso successo di vendite e vendere un’ennesima versione di Office a una base installata che ha aggiornato il suo software a una velocità molto alta è una sfida importante. NPD Group ha stabilito che un terzo delle vendite di Office 2010 arriva attraverso l’acquisto al dettaglio del codice di attivazione di versioni del software già predicate sui nuovi PC. Diversamente da Windows 7 che a molti è sembrato una cura necessaria per il vecchio ma stabile Windows XP e per l’infelice Vista, Office ha una lunga reputazione di piattaforma ubiquitaria e senza grandi problemi.
D’altra parte al momento del lancio mondiale Microsoft ha reso pubblica un’analisi interna che indicava  che il 75% degli utenti della beta di Office 2010 ne avrebbero comprato la versione al dettaglio entro sei mesi.