EnterpriseStart up

Obblighi informativi, un salasso per le Pmi

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Lo scorso anno la spesa per gli adempimenti legati all’attività svolta ha superato i 14 miliardi di euro

Nel 2007 per le piccole e medie aziende è stata superata quota 14 miliardi di euro per i soli adempimenti legati agli obblighi informativi sull’attività svolta, esclusi quindi gli oneri riguardanti le tipiche procedure di “autorizzazione” e, soprattutto, quelli collegati ai numerosi “passaggi” fiscali e ai bolli.

Il dato è stato rilevato dal Ministero per le Riforme nella Pubblica Amministrazione, che ha completato il lavoro di misurazione degli oneri amministrativi (denominato Moa). Il bacino prescelto è quello delle Pmi: oltre 4,4 milioni di imprese da 0 a 249 addetti. Che devono fare i conti soprattutto con il carico di adempimenti informativi inerenti l’area “lavoro”, per i quali si sfiorano i 7 miliardi di euro di “sovracosti”, seguiti dagli oneri per il settore della previdenza e dell’assistenza (oltre 3 miliardi), dell’ambiente (più di 2 miliardi) e per la prevenzione incendi (quasi 1,5 miliardi).

A capeggiare la classifica dei costi burocratici sono gli adempimenti informativi in tema di lavoro, in primo luogo quelli per la tenuta del libro paga (oltre 6miliardi) e per le assunzioni di personale (375 milioni di euro). Sul versante previdenziale e assistenziale, a incidere maggiormente è la divulgazione delle informazioni richieste per la denuncia mensile dei dati retributivi (oltre un miliardo di euro) e le denunce contributive mensili (circa 990 milioni). Non trascurabili sono anche gli oneri burocratici collegati alla voce ammontare delle retribuzioni e autoliquidazione (circa 550 milioni).

Ancora maggiori i costi a carico delle piccole e medie imprese per gli obblighi informativi relativi alla certificazione di prevenzione incendi (oltre 800 milioni) e all’autorizzazione, allo scarico di acque reflue industriali dove viene superata la soglia del miliardo di euro.