EnterpriseStart up

La Tremonti-ter estesa a scanner e self scanning

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Una risoluzione dell’Agenzia delle Entrate chiarisce i dubbi circa l’estensione della Tremonti-ter ai beni essenziali al funzionamento dei registratori di cassa

La Tremonti-ter entra nei registratori di cassa e accoglie anche gli investimenti per beni essenziali al loro funzionamento come, per esempio, scanner per la lettura dei codici a barre o self scanning utilizzato autonomamente dai consumatori per individuare il prezzo di un prodotto. Senza questi accessori, infatti, i misuratori fiscali non potrebbero essere utilizzati. Inoltre, rientra nell’ambito degli investimenti agevolabili la creazione di impianti di riscaldamento e raffreddamento.
Lo ha chiarito l’Agenzia delle Entrate con la risoluzione n. 91/E del 17 settembre 2010, specificando inoltre che alcuni beni sono agevolabili, anche se non rientrano nella divisione 28 della tabella Ateco 2007, a condizione che siano compresi nell’investimento complessivo.
È il caso di tubi, canali, quadri, cablaggi elettrici e relativo sistema di controllo, in quanto essenziali per gli impianti di condizionamento, purché questa circostanza sia riscontrabile in sede di accertamento.
Il beneficio previsto dal decreto legge n. 78/2009 consente di sottrarre dalla tassazione del reddito d’impresa un importo pari al 50% degli investimenti in nuovi macchinari e apparecchiature, effettuati dal 1° luglio 2009 al 30 giugno 2010.