EnterpriseStart up

La Toscana stanzia 15 milioni di euro per le ‘giovani’ Pmi

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Approvata dalla Regione una nuova legge per l’imprenditoria giovanile che intende offrire un’opportunità di sviluppo e di fare innovazione alle imprese con titolari under 35

La Regione Toscana ha preso un importante impegno nei confronti delle Pmi locali: ha assicurato che fino al 2010 stanzierà 15 milioni di euro per agevolare le piccole e medie imprese regionali con titolari che hanno meno di 35 anni. Questo è quanto prevede la nuova disposizione regionale sull’imprenditoria giovanile, la quale ha la priorità di offrire un’opportunità ai giovani che intendono fare impresa nei settori dei servizi avanzati e in quello manifatturiero, e di immettere nel sistema produzioni innovative e ad alto contenuto tecnologico.

Potranno avvalersi del contributo previsto dalla Regione le piccole e medie imprese con sede legale e unità operativa in Toscana. Queste realtà potranno disporre di un finanziamento a tasso zero per il 70% degli investimenti sostenuti, elevabile al 75% nel caso di registrazione di marchi e brevetti.

Però, come detto, titolari, rappresentanti legali e almeno la metà dei soci che detengono la maggioranza del capitale sociale non devono superare i 35 anni al momento della presentazione della domanda. La legge, approvata dal consiglio regionale prevede anche la possibilità che il soggetto terzo che gestirà per conto della Regione la legge, possa entrare nel capitale a rischio della società, assumendo partecipazioni di minoranza per la fase di avvio dell’attività.