EnterpriseStart up

E’ nata la Comunità delle Pmi

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Il nuovo organismo avrà il compito di promuovere i rapporti tra le piccole e medie imprese dell’area mediterranea

Confartigianato Imprese ha tenuto a battesimo la Comunità delle Pmi del Mediterraneo”, il mercato euro-mediterraneo delle piccole e medie imprese.
Un progetto ambizioso che la Confederazione ha cominciato a disegnare due anni fa a Bari e che ha colto le indicazioni dell’Unione europea con due anni di anticipo, ovvero quelea di creare un unico, grande mercato di libero scambio tra i Paesi bagnati dal Mediterraneo entro il 2010.

Nei giorni scorsi a Roma alla presenza del Presidente Giorgio Guerrini e del Vicepresidente con delega al Mezzogiorno, Francesco Sgherza, i sei fondatori hanno firmato l’atto costitutivo della Comunità euro-mediterranea.
Oltre a quelli italiani, erano presenti i rappresentanti delle piccole e medie imprese di Francia, Romania, Turchia, Tunisia e Libia, assente oggi ma parte integrante del progetto.
.
Per le imprese italiane, che soltanto nel 2006 hanno esportato prodotti nell’area del Mediterraneo per circa 20 miliardi di euro, l’opportunità di sviluppare una rete consolidata di rapporti con le piccole imprese dell’area euro-mediterranea è fondamentale per imporsi nella competizione globale. Nel Mediterraneo sono soprattutto le Pmi ad aver bisogno di un supporto all’internazionalizzazione e di una protezione dai suoi contraccolpi negativi – ha commentato Giorgio Guerrini, Presidente di ConfartigianatoSe le Pmi dell’area si integreranno sempre più, sapranno cogliere meglio le occasioni offerte dalla riacquisita centralità del Mediterraneo”.