EnterpriseStart up

È nata ItalianTech.com, la business directory di Anie

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

L’iniziativa vuole rappresentare una vetrina dell’eccellenza produttiva “made in Italy” delle aziende rappresentate dalla Federazione

Posizionare il sistema Anie in un contesto internazionale e globalizzato, favorire il business e lo scambio commerciale tra le imprese italiane ed estere. Ma anche promuovere in Europa e nel mondo la tecnologia italiana e affermare all’estero la qualità italiana dei settori elettrotecnico ed elettronico. Questi gli obiettivi che Anie (Federazione Nazionale Imprese Elettrotecniche ed Elettroniche) ha inteso perseguire con la realizzazione del portale www.italiantech.com. L’iniziativa si inquadra nel percorso di progressiva internazionalizzazione delle opportunità e delle condizioni di mercato in cui operano le aziende rappresentate in Anie, in modo particolare le Pmi

Tradotta in due lingue (inglese e francese), ed entro l’anno in altre quattro (spagnolo, tedesco, russo e cinese), la directory contiene una descrizione esaustiva e sempre aggiornata dei prodotti e delle tecnologie offerte dalle imprese associate ad Anie.
Per ogni azienda è disponibile uno spazio web dedicato, comprensivo di profilo anagrafico, unità produttive sul territorio, informazioni economiche (fatturato; percentuale fatturato esportato; numero addetti), marchi e profilo merceologico completo di schede tecniche.

La navigazione è facile e immediata e sono disponibili tre diverse chiavi per effettuare la ricerca all’interno della banca dati delle oltre 700 aziende associate e delle 2.000 voci di prodotti “made in Italy”.