EnterpriseFisco e FinanzaProgettiPubblica AmministrazioneStart up

Deduzioni e detrazioni Irpef sotto la lente

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

L’Agenzia delle Entrate, cona circolare n. 39/E, precisa ai Caf in tema di deduzioni e detrazioni Irpef

Le spese di intermediazione per l’acquisto dell’immobile da adibire ad abitazione principale sono ammesse in detrazione, anche se pagate prima del “compromesso” e del rogito, purché sostenute in occasione dell’acquisto. Detrazione ok anche per le prestazioni sanitarie rese, ad esempio, dal podologo, dal fisioterapista e dal logopedista, a patto che siano state prescritte da un medico.
Con la circolare 39/E, l’Agenzia fornisce ulteriori chiarimenti su deduzioni e detrazioni Irpef, rispondendo ai dubbi sollevati nelle scorse settimane dai Centri di assistenza fiscale (Caf).

Possono essere detratti nella dichiarazione dei redditi i costi per intermediazione immobiliare sostenuti, prima della stipula sia del preliminare sia del rogito, per l’acquisto dell’immobile da adibire ad abitazione principale. Ciò a patto che le spese siano sostenute in occasione dell’acquisto dell’abitazione. Il beneficio, invece, viene meno nel caso in cui l’acquisto non sia stato concluso.
Niente detrazione del 19% per i contributi pagati all’università pubblica per il riconoscimento del titolo di studio conseguito fuori Italia. Non possono, infatti essere assimilati alle “spese per frequenza di corsi di istruzione secondaria e universitaria”, che sono ammesse al beneficio anche se il corso è tenuto presso università straniere.

Rientrano tra le prestazioni sanitarie detraibili quelle rese, tra gli altri, dal podologo, dal fisioterapista, dal logopedista, dall’ortottista e dall’educatore professionale. Il bonus, pari al 19% delle spese sanitarie per la parte che eccede 129,11 euro, però, scatta solo a condizione che la prestazione sia stata prescritta da un medico.
Condizioni precise per accedere al bonus per la riqualificazione energetica di edifici oggetto di ampliamento. In particolare, in caso di ristrutturazioni con demolizione e ricostruzione si può accedere all’incentivo solo se la ricostruzione è fedele. Quindi, la detrazione non spetta in caso di demolizione e ricostruzione con ampliamento, perché l’intervento è considerato nuova costruzione. In caso di ristrutturazione senza demolizione dell’esistente e ampliamento, invece, si può usufruire della detrazione solo per le spese riferibili alla parte esistente. In questo caso, comunque, l’agevolazione non può riguardare gli interventi di riqualificazione energetica globale dell’edificio.