EnterpriseStart up

Autotrasportatori, agevolazioni 2010 confermate

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Via libera agli importi erogati nel 2009 anche per quest’anno. Ecco l’elenco delle agevolazioni previsti dalla Legge Finanziaria per il 2010

Via libera, anche per quest’anno, alle agevolazioni a favore degli autotrasportatori. A seguito della ripartizione delle risorse operata in base agli stanziamenti previsti dalla Legge Finanziaria 2010 (n. 191 del 23 dicembre 2009), sono stati confermati gli importi erogati lo scorso anno. In particolare:
– le imprese di autotrasporto merci, conto terzi e conto proprio, possono recuperare nel 2010, fino a un massimo di 300 euro per ciascun veicolo (mediante compensazione in F24), le somme versate nel 2009 a titolo di contributo al Servizio Sanitario Nazionale sui premi di assicurazione per la responsabilità civile per i danni derivanti dalla circolazione dei veicoli a motore adibiti a trasporto merci di massa complessiva a pieno carico non inferiore a 11,5 tonnellate.
Per i trasporti effettuati personalmente dall’imprenditore oltre il comune in cui ha sede l’impresa (autotrasporto merci per conto di terzi) è prevista una deduzione forfetaria di spese non documentate (ai sensi dell’articolo 66, comma 5, primo periodo, del Testo unico delle imposte sui redditi), per il periodo d’imposta 2009, nelle seguenti misure:
56 euro per i trasporti all’interno della regione e delle regioni confinanti. La
deduzione spetta anche per i trasporti personalmente effettuati dall’imprenditore
all’interno del comune in cui ha sede l’impresa, per un importo pari al 35% di
quello spettante per i medesimi trasporti nell’ambito della regione o delle regioni
confinanti;
92  euro per i trasporti effettuati oltre tale ambito.