EnterpriseFisco e FinanzaStart up

Aperte le iscrizioni per Autopromozione Sociale, il bando rivolto alle PMI della periferia romana

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Il Comune di Roma stanzia 6,5 milioni di Euro per progetti di investimento e sviluppo di piccole e micro imprese nuove o esistenti in aree di degrado urbano

All’indirizzo di Autopromozione Sociale trovate tutte le istruzioni per iscrivere la vostra startup. Innanzitutto bisogna controllare le Zone Ammissibili, cioè i quartieri di Roma che possono concorrere al finanziamento. La misura infatti è stata pensata specificamente per supportare lo sviluppo di PMI nascenti o in erba, nelle zone considerate più periferiche e/o marginali dell’immenso comune romano.

Sull’onda delle modalità già largamente utilizzate in altri bandi pubblici similari, le spese finanziabili devono essere inerenti a: progettazione, consulenza, acquisto brevetti, realizzazione marchio aziendale, sito WEB, sistemi qualità e/o ambientali, certificazioni, spese per opere murarie ed impianti, acquisto di impianti specifici, veicoli, macchinari e attrezzature, sistemi informativi, norme di sicurezza.

Moltissime le categorie che possono partecipare, con qualche esclusione di potenziali e-PMI come le attività finanziarie, assicurative e similari, e le attività professionali e associative.

Il Comune finanzierà il 50% del progetto, di cui metà andranno a fondo perduto e metà restituiti con tassi agevolati. Anche qui è presente un fondo di garanzia a tutela dei plafond.

Due curiosità. Il taglio dei finanziamenti è fisso: saranno erogati cofinanziamenti a pacchetti di 20mila o 400mila euro ognuno. Inoltre, fra le condizioni che danno punteggio aggiuntivo, si premiano con 5 punti le PMI miste, cioè costituite da italiani ed extracomunitari.