Enterprise

Sas Forum 2010: partner e agilità organizzativa sono le chiavi per dare valore al business

Nel 1998 inizia la sua esperienza nel mondo IT in Mondadori e partecipa alla nascita di Web Marketing Tools di cui coordina la redazione. Redattore esperto di software per PC Magazine, e caporedattore di ComputerIdea, segue da circa 20 anni l'evoluzione del mondo hardware, software e dei servizi IT in un confronto continuo con le aziende leader del settore

Marco Icardi, country manager Sas Italia, apre Sas Forum 2010 che cambia formula per sottolineare l’importanza degli Analytics come strumento di anticipazione del cambiamento

New, More, Smart è lo slogan di Sas Forum Italia 2010. Marco Icardi, Country manager Sas Italia, ne chiarisce subito il significato, sottolineando l’importanza della velocità e reattività al cambiamento,in tempi di crisi. E pone l’accento sulla necessità di fare network, per dare valore alle idee dei partner e alla squadra.

Sas Forum 2010, proprio per la partecipazione attiva dei partner (con due main sponsor del peso di Accenture e HP e 30 partner) si trasforma, e rispetto alle edizioni passate diventa molto più evento aziendale e momento di incontro/confronto per coloro che si occupano di Business Intelligence e Business Analytics (BI e BA), due settori quasi sovrapposti che la crisi sembra non aver toccato.

marco_icardi_country_manager_saseweek_large-123x185.jpg

Marco Icardi, Country Manager di Sas Italia

Sono più di 1.000 gli iscritti salutati da Icardi che avvia i lavori del convegno di apertura – “La sfida della Business Governance: quando la velocità diventa sistema” – partendo da un dato oramai acquisito: “La ‘smart intelligence‘ porta valore ed esalta gli investimenzi aziendali, anzi, è proprio l’investimento in BA la voce che più porta frutto a fronte della spesa iniziale”.
Quasi non si parla più di reporting (dato per scontato), e il valore della BI è per Sas sempre di più legato alla capacità di lavorare in velocità sui motori analitici (BA). Uno sguardo quindi rivolto al futuro, sulla scorta dell’analisi dei dati, ma per studiare le mosse da concertare in azienda nei mesi a venire, non solo per tirare le somme e considerare quanto è stato fatto, con una vicinanza al cliente che per Sas è un punto di forza, rispetto ai competitor.

dsc00269eweek_large-185x138.jpg

Nuova formula per Sas Forum Italia2010, e la data annuale si sposta dall’autunno alla primavera. Più di 1.000 iscritti per quest’anno

Prosegue infatti Icardi: “Sas, azienda privata senza timori di scossoni in Borsa, ha il vantaggio di soffrire meno di altri gli andamenti e le fluttuazioni economiche, e ha basato sulle sue caratteristiche di azienda globale/locale – vicina alla realtà del Paese – la capacità di fare network”. Le case history Cisalfa (per quanto riguarda l’analisi degli scontrini), Sky (analisi della customer care vocale con il cliente, per lo studio di nuove offerte), e Poste Italiane (Sas Security ne analizza la sicurezza ‘fisica’ e informatica), sono casi aziendali da cui emergono alcuni dati significativi, ma soprattutto indicano come software e servizi di BI e BA (Sas è anche Saas) non siano più soluzioni di nicchia, ma siano entrati a tutti gli effetti a far parte dei sistemi di produzione e siano passati da contesti di utilità offline a soluzioni per analisi e risposte in realtime, quindi da un utilizzo semplicemente da backoffice al front-end.

Per Icardi resta fondamentale il valore della “sincerità del numero, su cui comunque devono basarsi in modo trasparente sia i nuovi strumenti Social Media Analytics, sia le soluzioni di WorkFlows Planning, e ora anche Sas Mobile e Sas Risk Management for Banking. La prima è una soluzione che permette di usare il display del cellulare per navigare tra tabelle, grafici e cruscotti interattivi e lascia agli utenti la possibilità di creare dashboard con una formattazione ad hoc, la seconda una soluzione per la gestione del rischio nel settore bancario.

business_analytics_framework0-185x138.jpg

Il modello Business Analytics Framework

Angelo D’Imporzano, Executive Director Business Analytics di Igem Accenture, e Massimo Pellegrino, Vice President Emea Business Intelligence Solutions, incalzano sull’importanza degli Analytics, richiedono più flessibilità e maggiore capacità di coordinamento delle attività aziendali a Sas, riconoscono nella discontinuità economica un’occasione per l’innovazione. Ma la voce è praticamente unica quando individuano nello studio di modelli predittivi causali lo strumento per fronteggiare la sfida, sistemica, della Business Governance. Per questo sottolineano come “il contesto di azione per le aziende, quando la BA diventa strumento efficace di studio, non è più limitato al perimetro dell’impresa, ma richiede un’intelligenza collettiva anche nell’elaborazione dei dati sia interni che esterni” . Chiosa Icardi: “il rischio di non fare è l’unico rischio da non correre”.