Enterprise

Ruckus Wireless ci riprova con l’Italia e punta sul WiFi intelligente

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Selina Lo (Ruckus Wireless): proponiamo un WiFi intelligente. La portata del segnale si estende anche in edifici non adatti e le interferenze e la cadute degli access point sono compensate in maniera automatica

La californiana Ruckus Wireless , dopo un primo approccio al mercato italiano negli anni passati con soluzioni di IpTv , tenta un avvicinamento più importante al mercato del sud Europa, in particolare Italia e Spagna, con una presenza diretta affidata a Michele Paparella , e affidando poi , come in altri paesi , a Computerlinks per la distribuzione.

Selina Lo, Ceo di Ruckus wireless
Selina Lo, Ceo di Ruckus wireless

Le soluzioni offerte ora riguardano sistemi di wireless Lan per provider e aziende . La presentazione al mercato italiano è stata fatta da Selina Lo, Ceo della società , e nota alle cronache giornalistiche per la sua difesa del WiFi in alternativa al 3G per colmare i gap che in ogni paese affliggono la banda larga in mobilità, tramite il cosiddetto offloading del 3G verso reti WiFi .


Per i suoi sistemi Selina Lo preferisce parlare di “ WiFi intelligente” per condensare due concetti che sono alla base del loro sviluppo progettuale : gestione sofisticata dei sistemi di antenna delle reti wireless complesse , sia indoor che outdoor , e attenzione alla qualità del servizio per le applicazioni che utilizzano la rete WiFi. La portata del segnale si estende anche in edifici non adatti e le interferenze e la cadute degli access point sono compensate in maniera automatica. I nomi di riferimento nelle reti WiFi che ricorrono nelle parole di Selina Lo sono quelli di Cisco e Aruba. Ma Ruckus preferisce indirizzare alcuni particolari settori applicativi , alberghi , ospedali, gestori pubblici e privati di hot spot . Il risultato – puntualizza Lo – sono 2 milioni di access point installati nel mondo e un fatturato 2008 di 33 milioni di dollari con ritmi di crescita dal 2006 al 2009 del 119%.
La società , finanziata da capitali privati e fondi di venture capital espressione di player come Motorola e Deutsche Telekom, permette ai system integrator di creare le soluzioni per il cliente a partire sostanzialmente da due linee di prodotti. I MediaFex sono sistemi WiFI intelligenti destinati ai servizi multimediali , mentre si chiamano ZoneFlex sistemi indoor e outdoor per le Wlan di classe enterprise. Al di sopra opera il sistema di gestione ,amministrazione e configurazione centralizzata che porta il nome di FlexMaster .
Secondo gli ultimi dati di Dell’Oro Group su vendor mondiali di reti mesh Ruckus si è aggiudicata nel primo trimestre di quest’anno una quota di mercato del 55% in crescita sul 41% registrato nell’ultimo trimestre dello scoro anno.
Computerlinks ha dichiarato di voler utilizzare le soluzioni di Ruckus in progetti di system integration nei quali sia necessaria un’alta capacità di gestire il WiFi con un provisioning trasparente delle funzionalità WiFi presso i sistemi client su reti Ethernet particolarmente “difficili”.