Enterprise

Oracle, l’assorbimento di Sun non fa male ai conti del trimestre

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Dopo l’acquisto di Sun Microsystems Oracle sembra ancora più solida con risultati finanziari di tutto rispetto

Oracle ha continuato a macinare profitti nei mesi scorsi , nonostante il periodo di inserimento in bilancio di Sun Microsystems acquisita definitivamente  per 7,4 miliardi di dollari.
Il terzo trimestre dell’anno fiscale si è chiuso alla fine di febbraio con un calo dei profitti dell’11% a 1,19 milioni di dollari. Si tratta del terzo trimestre di un anno tumultuoso per Oracle che ha dato battaglia anche a Ibm   e Sap sui rispettivi mercati , ma i dati di bilancio annunciati indicano che Oracle è uscita bene da un periodo difficile.

L’acquisto di Sun sta portando nuovi profitti e ha aggiunto 458 milioni di dollari al fatturato trimestrale di Oracle, anche se i costi di ristrutturazione e operativi hanno inciso sul conto finale dei profitti.
In una dichiarazione rilasciata ufficialmente , Safra Catz, presidente di Oracle , giudica l’integrazione di Sun “migliore delle attese. Riteniamo che Sun darà un contributo significativo ai guadagni del questo trimestre. Raggiungeremo gli obiettivi di profitto stabiliti per il prossimo anno”. Il messaggio è anche di assicurazione di continuità di prodotto per i clienti di Sun.

Il quadro generale indica un fatturato totale trimestrale di 6,5 miliardi di dollari ( + 17%) sul 2009. Il fatturato generato da licenze per database e middleware è migliorato del 13%. Il nuovo obiettivo dichiarato è di attaccare il market share della tedesca Sap   .