AcquisizioniEnterprise

Satya Nadella spiega i prossimi passi per l’integrazione di LinkedIn

Giornalista e collaboratore di TechWeekEurope, si occupa professionalmente di IT e nuove tecnologie da oltre vent'anni e ha collaborato con le principali testate italiane di settore

Follow on: Linkedin

Ottenuto il via libera delle autorità europee, l’integrazione tra i servizi di LinkedIn e l’ecosistema Office-Windows può cominciare

Dall’annuncio dell’acquisizione della prima da parte della seconda, LinkedIn e Microsoft non hanno dato grandi dettagli su come i servizi delle due aziende si sarebbero integrati. L’operazione doveva avere ancora il beneplacito delle varie autorità e ora, con l’approvazione di quelle dell’Unione Europea, tutti i tasselli sono andati al loro posto. Così è stato direttamente Satya Nadella, CEO di Microsoft, a spiegare con un post su LinkedIn i prossimi passi che le due aziende intendono seguire.

Il senso delle prossime mosse è il medesimo, in ultima analisi, dell’acquisizione nel suo complesso. Come indica Nadella: integrare “il principale cloud professionale al mondo” – quindi l’ambito di Office 365 – con “il principale network professionale al mondo”. Come questo possa avvenire nel prossimo futuro è oggetto di un piano di integrazione che, spiega il CEO di Microsoft, le due aziende hanno definito dall’annuncio dell’acquisizione in poi, quindi dallo scorso giugno.

Nell’immediato Nadella anticipa alcune forme di integrazione che appaiono soprattutto tecniche ma che in realtà promettono di cambiare parecchio il modo di usare LinkedIn, rendendolo quasi un elemento “infrastrutturale” come lo sono le funzioni dei servizi cloud di Microsoft.

Nadella, CEO Microsoft e Weiner Ceo Linkedin
Nadella, CEO Microsoft e Weiner Ceo Linkedin

Ad esempio, Nadella anticipa che l’identità e la rete di contatti che ciascuno di noi ha creato in LinkedIn sarà integrata con quelle di Microsoft Outlook e di Office, con la conseguenza che le notifiche legate alle attività di LinkedIn saranno gestite direttamente anche da Windows. Un’integrazione simile si avrà per le funzioni legate all’ecosistema di Office 365 e vedremo anche funzioni più mirate come, in Word, la possibilità di comporre curriculum traendo informazioni dal proprio profilo LinkedIn e anche aggiornandolo.

L’integrazione del social network professionale con le applicazioni Microsoft dovrebbe essere anche un modo per semplificare la ricerca di opportunità professionali. Sullo stesso principio vedremo l’integrazione di LinkedIn Learning con tutto l’ecosistema Office-Windows, mentre potrebbe fare meno piacere agli utenti l’estensione “della reach dello Sponsored Content tra le properties di Microsoft” e “la ridefinizione del social selling”.