AcquisizioniBroadbandEnterpriseNetworkProgettiPubblica Amministrazione

Le brevi della settimana

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Google + Linkedin Iscriviti alla newsletter Lascia un commento

Le novità di Nokia, AWS, Huawei, Oracle, Fastweb, AMD e Openwork

Nokia ha raggiunto un accordo per acquisire Comptel, azienda finlandese specializzata nello sviluppo di software per le telecomunicazioni. L’operazione è valutata circa 347 milioni di euro e rientra secondo Nokia nella strategia, definita qualche tempo fa, di arrivare a creare un proprio business software autonomo. In questo senso Comptel porta in dote alcune soluzioni per l’orchestrazione dei servizi di rete e in particolare per l’automazione del deployment di servizi in modalità self-service da parte degli utenti finali. Queste soluzioni dovrebbero essere combinate con quelle delle linee Nokia Cloudband e Nuage. Comptel è da tempo parter di Nokia, ha circa 800 dipendenti in 32 nazioni e ha un giro d’affari che sfiora i cento milioni di euro l’anno.

Amazon ha pubblicato i suoi risultati finanziari per l’ultimo trimestre 2016 e per tutto l’anno, dai quali si ricava l’andamento del suo braccio cloud Amazon Web Services. Nel trimestre AWS ha registrato ricavi per 3,5 miliardi di dollari (+47 percento anni su anno) e un utile operativo di 926 milioni di dollari (+61 percento). Per tutto il 2016 i ricavi sono stati di 12,2 miliardi di dollari e l’utile operativo di 3,1 (praticamente un raddoppio anno su anno). La crescita è inferiore ai risultati degli anni precedenti, anche a causa di una certa stagionalità del mercato cloud.

La firma dell'accordo Huawei-Oracle
La firma dell’accordo Huawei-Oracle

Huawei e Oracle hanno definito un accordo di collaborazione incentrato sullo sviluppo di soluzioni di smart metering per il mercato utility. In particolare l’obiettivo è creare una soluzione per il rilevamento dei consumi sulla rete elettrica e la gestione delle correlate procedure amministrative e di intervento. Huawei ha già una soluzione che definisce di Advanced Metering Infrastructure (AMI), attraverso la collaborazione con Oracle questa sarà integrata con Oracle Utilities MDM, Oracle Utilities SGG e Oracle Utilities Customer Care and Billing (CC&B). Alcuni test di integrazione sono già stati effettuati.

Tutti in positivo i risultati ufficiali del 2016 di Fastweb: l’operatore ha chiuso l’anno con un +3,4 percento anno su anno di ricavi (attestati a 1.795 milioni di euro), +15 percento di margine operativo lordo (661 milioni di euro) e +7 percento per abbonati (2,4 milioni). A motivare queste cifre sono secondo l’azienda gli investimenti infrastrutturali: la sua rete in fibra raggiunge 7,5 milioni di famiglie e imprese di cui 2,2 con tecnologia FttH (Fiber to the Home) e 5,3 con tecnologia FttCab (Fiber to the Cabinet). L’obiettivo per il 2020 è arrivare a 13 milioni di famiglie e imprese di cui 8 in FttCab e 5 in FttH. Annunci di fine 2016: il lancio entro il 2020 di una rete 5G-ready basata su small cell e l’acquisto del ramo d’azienda Tiscali Business.

amd-ryzenChi è interessato alle prestazioni delle CPU Ryzen di AMD non potrà fare a meno di aggiornare i suoi sistemi a Windows 10: la casa produttrice ha infatti confermato che non supporterà ufficialmente né Windows 7 né Windows 8. In realtà quest’ultimo non è mai stato considerato, ma alcuni report recenti avevano indicato che AMD avrebbe potuto estendere il supporto a Windows 7. Niente da fare: le CPU Ryzen sono state sì testate e “validate” su Windows 7 ma driver e supporto ci saranno solo per Windows 10.

Dalla collaborazione fra Openwork e il Politecnico di Bari nasce un centro di competenza sul Business Process Management che intende fornire a PMI locali, Pubblica Amministrazione e Sanità competenze qualificate nell’ambito della gestione e digitalizzazione dei processi aziendali. L’obiettivo è formare figure professionali specializzate nella gestione dei processi aziendali, favorire la ricerca applicata nel BPM e offrire consulenza sui temi dei processi aziendali proponendo soluzioni di carattere gestionale e tecnologico. Aree prioritarie, anche se non esclusive, di interesse del centro riguarderanno la salute e la produzione sostenibile.