Enterprise

Lo spionaggio costerà caro a Sap

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Oracle ha chiesto un miliardo di dollari di danni a Sap, per la vicenda legata a TomorrowNow

TomorrowNow, specializzata in servizi di supporto e gestione di soluzioni PeopleSoft, JD Edwards e Siebel (oramai appartenenti a Oracle), è stata per
mesi al centro di un clamoroso caso di spionaggio industriale ai danni di Oracle. Ma a pagare, sarà Sap.
Sap, dopo aver accertato e ammesso le responsabilità, ha azzerato tutti i vertici di TomorrowNow, Ceo Andrew Nelson incluso, coinvolti nell’affair.
Ma l’incresciosa vicenda non finisce qui: Oracle conteggia i danni in un miliardo di dollari, nella causa sulla violazione e furto della proprietà intellettuale
contro TomorrowNow, sussidiaria di Sap.

La parziale ammissione di Sap, un anno fa, arrivò tramite una laconica risposta ufficiale: “Anche un singolo download inappropriato è inaccettabile dal mio punto di vista” dice in una nota l’AD del colosso tedesco Henning Kagermann. Sap si dispiacque e si scusò, ma ora Oracle vuole i danni. Il gruppo ha cambiato il management e procedure di TomorrowNow, acquisita nel 2005, dopo il merger Oracle-PeopleSoft.