Enterprise

La collaboration diventerà parte integrante dell’offerta Oracle

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Il presidente Charles Philips annuncia che l’azienda dedicherà una divisione consacrata al Web 2.0

Oracle sta progettando a livello globale una divisione specializzata nell’offerta di prodotti, servizi e best practices dedicate al social network e, in generale, a tutte e tecnologie correlate. La proposta, a detta dello stesso presidente, Charles Philips, offrirà alle aziende una vera e propria organizzazione focalizzata sul Web 2.0 che includerà la messa a punto di una nuova piattaforma, denominata Webcenter, che consentirà di sviluppare wikis, blogs e una gestione dei contenuti per il network di tipo collaborativo. In sintesi, l’obiettivo di Oracle è che nel corso dei prossimi anni a venire, la collaboration diventerà parte integrante di tutto il ventaglio dei suoi prodotti applicativi.

Tra le aree in cui il Web 2.0 potrebbe portare diversi vantaggi alle aziende viene citato il processo di approvazione delle spese che in modalità collaborativa consente ai manager di controllare le spese di viaggio direttamente tramite agenzia, potendo confrontare il costo di un biglietto emesso in precedenza su una stessa tratta e, nel caso l’operatore fosse in linea, utilizzare l’istant messaging per ottenere eventuali chiarimenti sulle ulteriori voci di spesa. Sempre secondo la fonte ufficiale, Oracle sta sviluppando una piattaforma di collaborazione che comprende pacchetti per la gestione della posta elettronica come Lotus Notes o Microsoft Exchange: alla base dello sviluppo, infatti, è compreso un server di posta e un ambiente di identificazione delle presenze che permetterà agli utenti di visualizzare chi è online. La soluzione consentirà di ottimizzare la server farm riducendo la necessità di utilizzo di potenti server, per sfruttare logiche di grid computing.