Enterprise

L’Italia è 27.ma nella Classifica dell’economia digitale 2010 (ex “e-readiness”)

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

L’Italia perde una posizione passando dalla 26ª alla 27ª posizione. Dietro a Spagna e Israele e davanti al Portogallo

Lo studio annuale di Economist Intelligent Unit sul benchmark tecnologico entra nel suo secondo decennio di esistenza con un nuovo nome: non più “e-readiness”, ma “Classifica dell’economia digitale”. La “connettività” non è più un lusso esclusivamente del mondo ricco e 70 Paesi nella classifica hanno raggiunto lo stato di “e-readiness”. Il nuovo nome scelto vuole riflettere il graduale spostamento delle priorità dei Paesi digitali, dalla semplice esigenza di rendere disponibile la tecnologia alla popolazione, alla volontà di utilizzarla per massimizzarne i benefici economici e sociali. In aggiunta alla diffusione della banda larga e dell’accesso alle reti mobili, ora il modello di ranking valuta anche la qualità nei singoli Paesi (in base alle connessioni di fibra ottica e 3G esistenti).
L’aggiunta di questi parametri ha colpito i Paesi in cima alla classifica: molti in Europa e Nord America hanno visto il proprio punteggio abbassarsi – per alcuni c’è stata una vera caduta nella tabella – per il bisogno di sviluppare ulteriormente le reti ad alta velocità. Dall’altro lato, i Paesi asiatici, che hanno investito in maniera massiccia nelle reti di prossima generazione, sono saliti nella classifica. Quest’anno il primo in classifica, la Svezia, e la maggior parte degli altri Paesi nelle prime posizioni, vantano congiuntamente ad elevati gradi di connettività, contesti commerciali e giuridici stabili, forti elementi a traino dell’educazione e della cultura, politiche governative a supporto dell’IT e, in parte come risultato di tutto questo, un utilizzo attivo e sempre crescente dei servizi digitali da parte di privati e aziende.
Dal 2000, Economist Intelligence Unit pubblica questa classifica annuale sulle più grandi economie digitali del mondo, utilizzando un modello sviluppato in collaborazione con l’Institute for Business Value di IBM. La Classifica dell’economia digitale 2010: Oltre l’e-readiness è disponibile gratuitamente al link www.eiu.com/sponsor/IBM/Digital_economy_2010