Enterprise

Il software spinge i profitti di Ibm

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Salgono del 13% i profitti di Ibm nel primo trimestre del 2010

Nell’annuncio ufficiale di Ibm sui risultati trimestrali si legge che i ricavi netti del primo trimestre del 2010 sono stati di 2,6 miliardi di dollari contro 2,3 del 2009. Il fatturato ha raggiunto la somma di 22,9 miliardi per il primo trimestre del 2010 con un incremento del 5% sul primo trimestre del 2009.
Secondo le dichiarazioni ufficiali di Ibm il software sta dietro la crescita dei profitti di Ibm per il trimestre in esame. Il fatturato del Software Group di Ibm è stato di 5 miliardi di dollari con un incremento dell’11 % sullo stesso periodo del 2009. I prodotti che compongono la linea del middleware di Ibm – i prodotti Websphere, Information Management, Tivoli, Lotus e Rational – hanno contribuito per 2,8 miliardi con un incremento del 13%. Il fatturato da sistemi operativi ha sfiorato i 500 milioni di dollari.
  Il Ceo di Ibm Sam Palmisano ha detto che le performance di Ibm nel primo trimestre sono il segnale della ripresa del mercato IT, oltre che degli sforzi di Ibm. Le vendite dei servizi business and technology, che detengono metà della top line di Ibm, sono cresciute del 4%, anno su anno, a quota 13.7 miliardi di dollari. Le vendite di Software hanno compiuto un balzo dell’11%, a quota 5 miliardi di dollari, mentre le vendite di hardware sono salite del 5% attestandosi a 3.4 miliardi di dollari.
A livello geografico benissimo la regione Asia Pacific ( +10%) , bene Emea ( +5%) , meno bene le Americhe ( +2%).