Enterprise

Il mondo viaggia verso l’iperconnettività

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Si sta verificando un’accelerazione del processo di adozione delle tecnologie in azienda con una richiesta crescente di connettività ‘sempre e ovunque’

Esplode la “Cultura della Connettività” che pone le aziende in tutto il mondo di fronte alla sfida del cambiamento nelle loro modalità d’azione, pena l’essere sorpassate dalle opportunità dell’Hyperconnectivity (iperconnettività): questo quanto è emerso dalla ricerca globale condotta da Idc e sponsorizzata da Nortel. Lo studio ha rivelato che si sta verificando non solo un’accelerazione del processo di adozione delle tecnologie in azienda, con un conseguente impatto sul business e investimenti It, ma anche una richiesta sempre crescente di livelli di connettività sempre e ovunque’da parte della forza lavoro globale.

Lo studio Idc, condotto su 2.400 individui in 17 Paesi, ha rivelato che il 16% degli utenti intervistati è già iperconnesso in quanto utilizza una grande varietà di dispositivi e fa un uso intensivo di applicazioni innovative nel campo delle comunicazioni. L’utente iperconnesso utilizza un minimo di sette dispositivi per attività lavorative e personali, oltre ad almeno nove applicazioni quali Instant Messaging (IM), Sms, Web conferencing e social network.

Un altro dato significativo è il profilo degli individui definiti sempre più iperconnessi: questo gruppo di utenti pesa per il 36% e impiega un minimo di quattro dispositivi per le proprie attività lavorative e personali, avvalendosi di sei o più applicazioni. Con l’aumentare delle capacità di questa categoria e tenendo conto della conseguente variazione del profilo demografico del segmento in cui sono classificati, la ricerca prevede che gli utenti business iperconnessi raggiungeranno la quota del 40% nei prossimi cinque anni. Lo studio ha preso in esame individui di entrambi i sessi e di età differenti residenti in Nordamerica, Europa, Medio Oriente, Asia Pacifico e America Latina che lavorano presso aziende di diverse dimensioni in vari settori di mercato. Dalla ricerca è emerso che il desiderio di connettività a livello personale non ha confini nazionali e che il fenomeno dell’iperconnettività è già realtà. I Paesi che contano il maggior numero di utenti iperconnessi sono Cina e Stati Uniti, mentre la Russia è il Paese con il maggior tasso di incremento del fenomeno dell’iperconnettività.