Enterprise

Il fascino della Dark Fibre

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Secondo una ricerca di BroadGroup, una parte di Europa si sta cablando in modo rapido usando la fibra ottica non utilizzata dai Paesi più avanzati

L’espressione dark fibre si riferisce al cavo in fibra ottica inutilizzato e Luca Sassella Editore a proposito già nel 2002 aveva pubblicato un libro. L’autore, Geert Lovink, illustrava un fenomeno che oggi è molto diffuso oggi nell’Europa centrale e dell’Est. Il concetto di base è che spesso le compagnie depositano una quantità di fibra maggiore di quella necessaria, per ridurre i costi che sarebbero richiesti per farlo di nuovo nel futuro.

Questi cavi oscuri, o meglio inutilizzati, possono essere offerti in leasing a individui o ad altre società che vogliano stabilire connessioni ottiche tra le loro diverse postazioni. In questo caso la fibra non è controllata, né connessa alla compagnia telefonica, ma la società o l’individuo forniscono le componenti necessarie per renderla funzionale. Secondo BroadGroup Consulting l’utilizzo di fibra occulta in Europa continuerà a crescere a una media dell’8% all’anno, da qui al 2012, soprattutto sui mercati urbani. La dark fibre, infatti, starebbe trasformandosi in un opzione di servizio scelta da un numero sempre crescente di aziende,il che ne fa una sorta di marketplace di opportunità piuttosto che una componente di rete latente. Di conseguenza i vari player cominicano a vedere nei cavi oscuri un nuovo canale di vendita dedicato a imprese ma anche ad altre tipologie di operatori invece di una strategia di gestione sul lungo termine. Nell’Europa Centrorientale la domanda è in crescita e questo fa presupporre nuove linee di sviluppo: sono già disponibili equipaggiamenti hardware e software ottici (anche se apparentemente ad un prezzo più elevato che nei mercati occidentali) ed esiste lo spazio, attualmente in mano a utilities e ferrovie. Il consiglio degli analisti è che i legislatori si attivino in fretta per aprire e regolamentare velocemente questo networking alternativo senza il quale una base significativa di utenti non potrebbe godere di un accesso alla Rete.