Enterprise

HP: l’unione di software, server, storage e networking

Direttore responsabile di Silicon, ITespresso, ChannelBiz e Ubergizmo dalla nascita, ama analizzare le dinamiche del mercato IT e le strategie dei vendor. Scrive da più di vent'anni di tecnologie, acquisizioni, hardware e software. Modera convegni e seminari. In passato ha diretto Techweekeurope, Gizmodo, Vnunet, PC Magazine e PC Dealer, iniziando il percorso professionale a Computerworld Italia dopo la laurea.

Francoforte ospita HP Technology@work e inaugura l’era della “converged architecture” che combina in un’unica piattaforma software, server, storage e networking. Per le grandi imprese che vogliono semplificare l’It

Come ormai da tradizione, l’evento primaverile di HP mette al centro il data center, o meglio la gestione intelligente dei budget aziendali in tempi di crisi. Se due anni fa a Barcellona l’HP Technology@work proclamava l’era dell’Infrastructure as a service, oggi il management mondiale di HP proclama giunto il momento della Converged Architecture, a tre settimane dalla acquisizione di 3Com. Nulla è casuale. “Abbiamo speso molto tempo per integrare negli ultimi anni le acquisizioni fatte – esordisce Jan Zadak, Senior vice president & Managing director enterprise business di HP Emea – . Venti mesi fa eravamo alle prese con l’integrazione di Eds in ambito servizi, ed oggi che questa si è finalmente completata, passeremo a lavorare sull’integrazione di 3Com, che cambierà il peso che HP avrà in ambito networking”. Non è comunque un mercato di primo pelo per Hp (“Facciamo networking da 25 anni, siamo secondi sul mercato“ commenta Zadak) che enfatizzare la strategia Converged Architecture, o meglio “Infrastruttura che converge”, come piace definirla aLucio Furlani, Vice president marketing & strategic enterprise business a livello Emea.

In breve: la Converged Architecture offre software, server, storage e networking in un’unica soluzione, flessibile e scalabile. Una soluzione per chi vuole concentrarsi sul business, e considera la tecnologia un aiuto indispensabile per capire come gestire la propria azienda, ma nello stesso tempo “facilmente” gestibile. “Per questo abbiamo pensato a un’infrastruttura modulare – spiega Furlani che permetta ai Cio di una azienda di configurare il sistema velocemente in base alle loro esigenze. In questo modo i clienti possono ceare un data center che permetta loro di spendere meno tempo nelle operazioni di gestione, per focalizzare i propri sforzi sui reali bisogni del business”. L’infrastruttura che converge è ideale per grandi realtà, banche, assicurazioni, aziende attive nel mercato delle utility, per chi vuole aprire succursali o nuovi mercati appoggiandosi al data center esistente, o decide di migrare il proprio mainframe.

zadak-131x185.jpg

Jan Zadak, Senior vice president & Managing director enterprise business di HP Emea

La strategia Converged Architecture si concretizza nel nuovo portfolio di soluzioni HP Integrity, basato su architettura HP Blade Scale Architecture, e rappresenta il più importante upgrade per la famiglia Integrity Superdome fatto da HP nell’ultimo decennio. Pensato per il sistema operative HP-UX 11i v3, la piattaforma HP Integrity migliora le performance del data center, il Tco del sistema, facilita la migrazione delle applicazioni legacy grazie al support di HP Converged Infrastructure Consulting Services. “Oggi si richiede ai Cio di spendere meno e fare di più, per questo i Cio chiedono aiuto nella gestione delle applicazioni legacy – incalza Zadak -. Per fare questo sono necessari strumenti flessibili ed è indispensabile capire le esigenze delle aziende. Spendo il 50% del mio tempo a parlare con Cio e clienti per capire come risolvere a loro i problemi. Molte aziende richiedono la soluzione in house, altri vivono l’it in modalità as a service. Il modello di business di HP risponde ad entrambe le soluzioni, con una architettura che integra al suo interno server, storage, networking”.

20071114_lucio_furlani-168x185.gif

Lucio Furlani , Vice president marketing & strategic enterprise business a livello Emea

E aggiunge Furlani: “Oggi in un data center convivono piu’ ambienti server, piu’ ambienti storage, piu’ ambienti di rete, il che comporta una complessita’ molto elevata nella gestione delle licenze, dei ricambi, del supporto. Noi offriamo una consolle unica ai Cio, più facile da gestire e più intercambiabile”.
A sostegno dei partner commerciali interessati a vendere l’HP Integrity Portfolio i programmi di finanziamento di HP Financial Services e l’ AllianceOne, che permette ai partner di accedere attraverso un singolo programma a tutte le combinazioni di soluzioni server, storage e networking che rientrano nell’offerta HP Converged Infrastructure. Già disponibile in Europa.