EnterpriseFisco e Finanza

Per Cisco si chiude un trimestre di transizione

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Google + Linkedin Subscribe to our newsletter Write a comment

Segno meno in generale e per il business tradizionale, in crescita invece i servizi

Fare evolvere velocemente il proprio business affiancando alle attività tradizionali nuove linee di offerta più promettenti per il futuro è la strada giusta da seguire, ma non è mai semplice. Se ne sta rendendo conto anche Cisco, i cui risultati del secondo trimestre fiscale indicano proprio l’elemento caratteristico di una transizione di questo genere: il calo del business classico che non riesce a essere compensato dalla crescita del business innovativo.

Cisco può comunque ritenersi soddisfatta di aver superato le previsioni degli analisti per questo trimestre, che si chiude in calo per il giro d’affari complessivo (11,6 miliardi di dollari, -2 percento anno su anno) ma anche per l’utile netto (2,35 miliardi, -25,4 percento). È il quinto trimestre consecutivo in frenata per Cisco, un andamento previsto sia per la variabilità degli investimenti legati al suo business classico (switch e router) sia per la transizione dall’hardware puro al mondo del software, dei servizi e del cloud.

I risultati Cisco per linee di business
I risultati Cisco per linee di business

Questa transizione si vede chiaramente suddividendo i risultati Cisco per ambiti. La parte prodotti è ancora maggioritaria rispetto alla parte servizi (8,5 miliardi di ricavi contro 3,1) ma la prima è in calo del 4 percento anno su anno e la seconda in crescita del 5 percento. Si nota in particolare che i segni meno sono legati ai prodotti classici di Cisco: switch (-5 percento anno su anno) e router (-10 percento).

Cali sono stati registrati anche per la parte datacenter (-4 percento) e video (-41 percento), ma in questi due casi contano fattori diversi e specifici. Nella parte datacenter pesa la variabilità degli investimenti degli hyperscaler, tanto che il CEO Chuck Robbins ha sottolineato agli analisti che la parte del business legata ai service provider andrebbe valutata sul lungo periodo e non su base trimestrale. La flessione della parte video deriva invece dalla cessione di parte delle attività a Technicolor.

Un esempio di report di Cisco Umbrella
Un esempio di report di Cisco Umbrella

Le buone notizie vengono dai segni più collegati ai business che promettono maggiormente per il futuro: collaboration (+4 percento anno su anno), wireless (+3 percento) e sicurezza (+14 percento). La strada peraltro è questa ed è tracciata: cercare di offrire più software e servizi ai clienti, anche operando attraverso acquisizioni come quella di AppDynamics.