EnterpriseFisco e Finanza

L’hardware di HP apre il 2017 tutto in positivo

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Buoni risultati per le vendite HP di computer e stampanti, frena solo il business dei consumabili

HP ha reso pubblici i risultati finanziari relativi al primo trimestre fiscale 2017, per il quale ha registrato ricavi pari a 12,7 miliardi di dollari, una cifra che corrisponde a una crescita del 4 percento anno su anno. L’utile operativo è stato di 903 milioni di dollari.

La crescita è legata essenzialmente alle buone performance della parte PC: la divisione Personal Systems, che fa la gran parte del business HP. Questa parte ha visto un aumento dei ricavi pari al 10 percento anno su anno che l’ha portata a quota 8,2 miliardi di dollari. HP indica crescite per molte linee di prodotto sia nella parte business, cresciuta in valore del 7 percento anno su anno, sia in quella consumer, che ha registrato una crescita del 15 percento. In volumi le vendite sono complessivamente aumentate dell’8 percento anno su anno, percentuale che è la combinazione della crescita dei notebook (+12 percento) con la stabilizzazione delle vendite desktop.

La suddivisione del business HP
La suddivisione del business HP

In queste cifre si vedono molto probabilmente i risultati delle innovazioni di prodotto introdotte da HP negli ultimi tempi. In particolare nella parte consumer la crescita è legata anche a una maggiore focalizzazione sul segmento desktop ad alte prestazioni, uno dei pochi che ha ancora una buona propensione alla spesa. Il problema della parte PC è la marginalità, ferma a meno del 4 percento. Così la parte che fa praticamente i due terzi del fatturato di HP rappresenta solo il 30 percento (313 milioni di dollari) dell’utile operativo.

Valutazioni esattamente opposte per la parte stampanti. Questa nel trimestre considerato ha avuto ricavi per 4,5 miliardi di dollari ed è in declino del 3 percento anno su anno. Ma il suo margine è elevato – circa il 16 percento – e questo le ha consentito di avere un utile operativo di 716 milioni di dollari. Sono in crescita le vendite di hardware: +6 percento complessivamente, con un +2 percento per la parte business e +7 percento per quella consumer.

Il mercato PC per HP
Il mercato PC per HP

Il punto debole sono i consumabili: -3 percento anno su anno in valore ed è una decrescita importante per una componente che fa i due terzi del fatturato stampanti di HP. Entro fine anno l’azienda conta di “stabilizzare” questo business, che resta comunque un elemento di attenzione per qualsiasi produttore di stampanti.