Enterprise

Eito passa al setaccio il mercato mondiale dell’Ict

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

L’osservatorio europeo ha esteso la propria analisi a tutta l’Europa, l’Asia e il Nordamerica, rilevando una crescita diffusa per il 2007

Diverse novità accompagnano l’edizione 2008 dell’Osservatorio europeo delle tecnologie dell’informazione (Eito), nato nell’ormai lontano 1992. La prima fra tutte riguarda l’estensione del perimetro di analisi, che ora non riguarda più solo i principali paesi europei, ma anche il resto del Continente e le parti più vivaci del mondo, come Asia e Nordamerica.

Una seconda novità è la granularità dello studio, che è stata notevolmente affinata. D’ora in avanti, infatti, sarà misurato l’andamento in settori come il software e i servizi, le infrastrutture e le telecomunicazioni. Infine, i dati dell’Osservatorio saranno disponibili anche per il download sul portale eito.com.

La prima constatazione che emerge dal nuovo Eito è che il mercato mondiale dell’Ict continua a crescere. Nel 2007 c’è stato un incremento del 6,3%, mentre per il 2008 è previsto un + 5,5% e nel 2009 un + 5,2%. Il valore complessivo dello scorso anno è stato pari a 2.238 miliardi di euro, mentre per quest’anno si prevede di raggiungere i 2.360,3 miliardi. La Cina, per avere un termine di paragone, ha un tasso di crescita due volte superiore (oltre il 10%) e da sola vale 131,1 miliardi (previsti per il 2008).

In Europa, i cinque grandi (Germania, Francia, Regno Unito, Italia e Spagna) continuano a guidare il mercato, con la Spagna capace di mostrare i tratti più dinamici (+ 7,3%) e l’Italia a chiudere tristemente il gruppo (+ 0,3%). Il dato migliore è quello registrato dal software e servizi, aumentato in modo omogeneo sul Continente circa del 6,5%, ma anche qui Cina e India vanno molto più veloci, con tassi di crescita complessivi del 19,5 e del 22,6%, anche perché lì spesso siamo ancora alla prima informatizzazione.

Mediamente, in Europa e negli Usa il peso dei dieci principali attori del mercato raggiunge il 50%, con la parziale eccezione di Francia e Germania (40%). Sul fronte hardware, la pressione sui prezzi è il fattore di maggiore importanza, secondo Eito. I pc portatili tirano il mercato in termini di volume, davanti a server, storage e workstation. Il green It è giudicato il fenomeno di maggior influenza nel medio termine, soprattutto nei grandi gruppi.