EnterpriseProgettiPubblica Amministrazione

Chiavette modem 3G : ZTE e Huawei nel mirino della Commissione europea

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

La Commissione europea indaga sulla legalità delle pratiche commerciali dei fornitori cinesi ZTE e Huawei sul mercato delle chiavette modem 3G

I due principali fornitori cinesi di chiavette modem 3G – ossia Zte e Huawei– sono entrambi nel mirino della Commissione europea : Bruxelles le sospetta di pratiche di dumping. A quanto si apprende, l’inchiesta delle autorità europee è iniziata nel giugno scorso in seguito a un esposto di un fornitore belga (Option) , che ha fatturato circa 31 milioni di euro nel primo trimestre di quest’anno. I suoi prodotti sono distribuiti anche in Italia. Option ha deciso di attaccare i due pesi massimi delle Tlc cinesi che detengono rispettivamente il 40% del mercato mondiale ( Zte) , mentre la quota di Huawei sfiora il 50%.
Secondo stime delle Commissione europea, a causa di questa egemonia, il 90% di modem 3G importati nel 2009 erano di produzione cinese. Per Option il dumping consiste nel vendere i modem 3G sul mercato internazionale a un prezzo inferiore da quello praticato sul mercato interno cinese. A causa di queste pratiche Option ha dichiarato che le sue quote di mercato sono crollate dal 50% nel 2006 al 5% .
Secondo l’esposto non mancano neppure agevolazioni finanziarie e di credito ritenute illegali. Se l’inchiesta confermerà le accuse si attende un aumento dei diritti doganali a carico delle importazioni cinesi.