Enterprise

Bassilichi si prepara alla quotazione

Giornalista professionista dal 2000. Da 15 anni, Stefano si occupa di giornalismo Ict maturando competenze anche nel consumer electronics. Stefano ha iniziato la sua esperienza giornalistica nel 1996 presso la redazione economica di ItaliaOggi.

Leonardo Bassilichi, direttore generale dell’omonima società, spiega gli obiettivi da qui al 2012: rafforzamento di Monetica e Back Office, penetrazione in settori nuovi come Gdo, gaming e petrol, infine l’obiettivo di arrivare all’Ipo

Il gruppo Bassilichi pensa alla quotazione. Leonardo Bassilichi, direttore generale di Bassilichi, durante una conferenza, ha svelato l’intenzione, nel medio termine (entro il 2012), di arrivare all’Ipo (Offerta pubblica iniziale) e, per questo motivo, la società sta avviando programmi di intervento finalizzati proprio a questo obiettivo finale.

Siamo convinti che il mercato ripartirà – spiega Bassilichi – per cui ci stiamo attrezzando e mettendo a punto tutti gli ingredienti per arrivare pronti. Perché la Borsa? Per raccogliere capitali e sottolineare l’interesse verso l’estero”.

Bassilichi ha presentato i risultati di bilancio 2009. Il fatturato consolidato è stato pari a 223,3milioni di euro contro i 185,8 del 2008, il margine operativo lordo è stato pari a 37,54 milioni di euro in crescita del 35,4% , il risultato netto è stato di 1,04 milioni di euro pari a quasi il 43% di crescita.  “Dopo una fase di espansione per le acquisizioni effettuate negli ultimi due anni, l’obiettivo continua a essere il consolidamento. Grande attenzione – spiega in una nota Marco Bassilichi, amministratore delegato di Bassilichisarà riservata all’integrazione delle strutture, all’ottimizzazione dei processi, alla razionalizzazione delle attività, passaggi necessari in vista della quotazione che secondo il piano industriale dovrebbe attuarsi nel medio termine”.

Aria di quotazione e tempo di bilanci, calati nell’attualità. “Il buon risultato del 2009 – spiega Bassilichi – è arrivato grazie ai benefici registrati dalle acquisizioni fatte. Quest’anno dobbiamo razionalizzare e mantenere un livello di economie di scala”.

Le linee di business contribuiscono a produrre fatturato del gruppo: Monetica contribuisce per il 36,4%, il back office per il 9,7%, il licensing per il 6%, la sicurezza per il 20,1%, il resto è Facility Management che contribuisce per il 27,80.

Infine, Bassilichi conferma gli obiettivi strategici previsti dal piano industriale 2010-2012 sviluppato in collaborazione con Bain & Company Italy, in qualità di advisor industriale del gruppo. In particolare: rafforzare la strategia nell’outsoursing dei processi relativi a Monetica e Back Office attraverso la crescita interna che sarà attuata principalmente con lo sviluppo dei client strategici e un percorso di crescita esterna con la ripresa del programma di management & acquisition. Inoltre, un processo di penetrazione in settori come quello del gaming, della Gdo e del petrol. Infine l’Ipo.