Enterprise

Barriere digitali nella Pa

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

L’accessibilità per i portatori di handicap è una chimera anche per i siti Web della Pubblica Amministrazione

Dalle ultime rilevazioni effettuate dall’Ufficio Accessibilità dei Sistemi Informatici del Cnipa sulle home page di 1.426 siti di Pa centrali, emerge come l’accessibilità da parte dei disabili ai siti web degli Enti pubblici resta ancora un’utopia. La conformità alle 9 caratteristiche analizzate, riconducibili a 8 dei 22 requisiti previsti dal Decreto Ministeriale 8 luglio 2005, è raggiunta infatti solo dal 3% del totale, con alcune amministrazioni la cui conformità raggiunge il 6%.

A quattro anni dall’emanazione della Legge Stanca e a circa tre anni dalla sua entrata in vigore i risultati raggiunti su questo fronte non sono ancora soddisfacenti.

Eppure l’impianto normativo risulta ben strutturato, peraltro molto apprezzato e assunto a modello anche a livello europeo, ma la lentezza del processo di attuazione, il mancato utilizzo di meccanismi sanzionatori previsti dalla legge, la necessità di presidiare l’innovazione tecnologica e l’evoluzione del concetto di categoria svantaggiata richiedono nuove strategie che consentano di raggiungere l’obiettivo fissato dalla Conferenza Ministeriale di Riga, ovvero la piena conformità di tutti i siti della Pubblica amministrazione entro il 2010.

Secondo gli esperti del Cnipa dovranno essere avviate azioni volte ad ottenere un maggior coinvolgimento della classe dirigente responsabile dei Sistemi Informatici, della Comunicazione e dell’Accessibilità, capitalizzando le esperienze di Pubbliche Amministrazioni Centrali e Locali che hanno già realizzato attività ispirate a principi di inclusione riusabili in altri contesti e territori per un abbattimento delle barriere digitali.