Enterprise

Auriga, nuovo partner di riferimento per l’It banking

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Dalla fusione tra due player di riferimento, nasce una nuova realtà italiana specializzata nelle soluzioni per la banca virtuale multicanale

Frutto della fusione conclusasi nel mese di dicembre 2007 tra Auriga Informatica e Auriganet, società specializzate nello sviluppo di prodotti e servizi per la banca virtuale, elettronica e per la monetica, per gli istituti di piccole e medie dimensioni ma anche per i grandi gruppi bancari oggi è stata ufficializzata la nascita di Auriga Spa.

Il nuovo gruppo si propone come specialista del mercato italiano di soluzioni software per la banca virtuale multicanale, ponendosi come il consulente di fiducia e partner di riferimento per l’It banking, supportando gli istituti di credito nello sviluppo del business in una situazione di mercato caratterizzata da una forte competitività e da profondi mutamenti strutturali. La nuova realtà aziendale, che conta un organico di circa un centinaio di dipendenti, tra esperti analisti, programmatori, ingegneri del software e consulenti, vanta un fatturato complessivo di oltre 8 milioni di euro ma le stime per il 2008 parlano di 10 milioni.

Grazie alla capitalizzazione di skill e best practice, Auriga offre soluzioni all’avanguardia, con prodotti, servizi e consulenza completa per il virtual banking e la gestione integrata degli sportelli Atm, dei self service di tipo evoluto e dei chioschi multimediali. L’azienda oggi rappresenta anche il primo player non-bancario gestore di un punto d’accesso per il CbI2 (il nuovo corporate banking interbancario), e come azienda ha la possibilità di sedere al tavolo del gruppo pilota istituito sul tema dall’Abi.