Data storageStorage

Mercato storage: meno ricavi ma più volumi

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Le cifre IDC per il mercato storage indicano i segni di una evoluzione, a favore del flash e degli hyperscaler

Non c’è solo il mercato server a dipendere dagli investimenti degli hyperscaler. Le cifre pubblicate da IDC per descrivere l’andamento del comparto storage nel quarto trimestre 2016 indicano una dinamica simile, favorevole ai produttori ODM (Original Design Manufacturer) che vendono direttamente ai grandi provider e meno ai vendor più tradizionali. Secondo IDC nel trimestre considerato il mercato storage ha visto nel complesso ricavi per 11,1 miliardi di dollari, con una flessione del 6,7 percento anno su anno. La capacità installata è invece cresciuta, posizionandosi a 52,4 exabyte che rappresentano un incremento anno su anno del 18,3 percento.

Nel declino complessivo in valore, a crescere per fatturato sono stati principalmente i produttori ODM. Questo comparto rappresenta una fetta ancora piccola del mercato complessivo (1,2 miliardi di ricavi nel periodo) ma ha visto un incremento del 3,2 percento anno su anno. In confronto segmenti più consolidati e rilevanti hanno registrato invece flessioni importanti: -7,8 percento in valore sia per la parte dello storage server-based (3,4 miliardi di ricavi) sia per i sistemi esterni (6,4 miliardi).

L’isola felice dello storage è prevedibilmente la parte degli array flash. Il comparto degli array all-flash ha generato quasi 1,7 miliardi di dollari di ricavi con una crescita anno su anno del 61,2 percento, mentre il business degli array ibridi ha raggiunto i 2,5 miliardi. È significativo che questa cifra ormai rappresenti il 38,4 percento del mercato complessivo dei sistemi esterni di storage.

idc-storage-4q16IDC sottolinea infatti che al di là delle cifre di consuntivo gli investimenti delle aziende utenti sono comunque piuttosto dinamici. Alcune aree sono di particolare interesse – come appunto i sistemi flash ma anche lo storage software-defined e cloud-based – e i vendor anche più tradizionali si stanno attrezzando per seguire questa evoluzione della domanda.

Nell’ambito dei sistemi di storage esterni, che rappresentano la maggiore fetta del mercato, la “top 5” del trimestre vede saldamente al comando Dell Technologies, che grazie all’inclusione di EMC si posiziona al 33 percento circa di market share. A distanza segue un terzetto praticamente allineato sul 10 percento, composto da HPE (con la joint venture H3C), IBM e NetApp. Chiude Hitachi al 7 percento.