Data storageStorage

Mercato storage EMEA: male tutto tranne le soluzioni all-flash

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Gli array all-flash crescono un po’ ovunque, segni meno invece per le soluzioni più tradizionali

IDC ha pubblicato le cifre relative all’andamento del mercato storage nella regione EMEA per quanto riguarda i sistemi esterni e il quarto trimestre del 2016. In sintesi: tutto in declino tranne i sistemi all-flash (di nuovo), dato che il mercato nel suo complesso ha visto una flessione del 10,6 percento in valore anno su anno, flessione che assomma la crescita delle unità “tutto flash” (+53,6 percento) e la decrescita dei sistemi tradizionali con solamente hard disk (-37,9 percento). In flessione anche le unità ibride (-4,7 percento).

Un declino complessivo dei ricavi in cui la regione EMEA sembra “intrappolata”, spiega IDC, e dal quale può uscire grazie all’evoluzione tecnologica dei datacenter di nuova generazione, che puntano sui sistemi all-flash. Proprio questa evoluzione ha portato tali sistemi a rappresentare, nel trimestre considerato, un quarto del mercato in valore e un quinto per tutto l’anno 2016. Conta in questo il declino progressivo del costo per gigabyte dei sistemi flash, derivante dalla maggiore concorrenza del settore.

idc-mercato-storage-emeaSul totale del mercato EMEA (2,1 miliardi di dollari) la parte dell’Europa Occidentale è prevedibilmente quella maggiore (1,4 miliardi) e vede un declino del 7,9 percento in valore a fronte di una leggera crescita (+4,5 percento) in capacità installata. Gli investimenti in dispositivi flash sono stati rilevanti, tanto che i sistemi all-flash e ibridi hanno fatto oltre il 60 percento del mercato in Europa Occidentale.

In confronto il resto della regione EMEA è andato peggio. Il declino in valore è stato del 18 percento e continuano a giocare negativamente alcuni fattori frenanti che sono già noti. Per le nazioni dell’Europa centro-orientale conta il rallentamento degli investimenti della PA e del settore bancario, mentre nell’area Medio Oriente e Africa conta la stagnazione degli investimenti in generale causata dall’instabilità politica.

In quanto a produttori, il mercato EMEA non differisce molto da quello globale e vede in ordine di market share Dell, HPE, NetApp, IBM e Hitachi. Appare più concentrato su questi grandi vendor a danno degli altri e nel trimestre ha premiato HPE e NetApp.