Data storageStorage

Lenovo DX8200D, un’appliance per unificare lo storage

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Google + Linkedin Subscribe to our newsletter Write a comment

DX8200D usa la piattaforma di DataCore per estendere funzioni di gestione a risorse anche eterogenee

Arriva da Lenovo una nuova appliance siglata DX8200D che è il frutto della combinazione tra l’hardware server System x3650 M5 di Lenovo stessa e il software di virtualizzazione SANsymphony di DataCore. Si tratta quindi di un’appliance per le applicazioni di software-defined storage (SDS), che punta a offrire costi di gestione più economici, oltre che più agilità e semplicità nella gestione stessa grazie all’approccio appliance.

Idealmente l’appliance DX8200D fa da punto di connessione e armonizzazione di infrastrutture storage anche eterogenee. Sfrutta le funzioni degli array già disponibili ma permette anche di ragionare in una logica “espansiva” in cui i modelli più datati sono man mano sostituiti con altri più nuovi in maniera trasparente, senza cambiare le modalità di gestione e senza impatti sulle funzioni abilitate dall’appliance stessa – tra cui replica, de-duplicazione, compressione e protezione dei dati – perché sono indipendenti da quelle degli array sottostanti.

Lanovo DX8200
Lanovo DX8200

La logica di fondo dell’appliance Lenovo DX8200D è infatti quella di “coprire” i dispositivi storage d’impresa, anche se sono isolati e collocati in sedi diverse, con un unico “ombrello” di servizi omogenei. Le varie risorse di storage sono raggruppate in un pool unico che viene gestito in modo centralizzato e uniforme anche se i singoli dispositivi sono di produttori e anche generazioni diverse.

La gestione del pool di storage avviene attraverso la piattaforma XClarity, che aggiunge anche funzioni di rilevamento automatico delle risorse, inventario, monitoraggio in tempo reale, configurazione e rilevamento dei guasti. Altre funzioni utili vengono dal “lato server” dell’appliance DX8200D: il Lenovo System x3650 M5 – pre-testato per la sua integrazione con il software DataCore – punta soprattutto sulla riduzione del downtime grazie a funzioni di manutenzione predittiva e sulla tutela delle componenti hardware e firmware.