Data storageStorage

Convergenza più mirata per i sistemi VersaStack

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Cisco e IBM lanciano nuove versione delle unità VersaStack, pensando al cloud ibrido e privato

Novità per i sistemi di converged infrastructure VersaStack, sviluppati congiuntamente da Cisco e IBM e basati su una combinazione di elementi: lo storage di IBM e, per Cisco, i server UCS e gli switch. I sistemi VersaStack esistono già da tempo, le novità riguardano l’introduzione di nuove componenti che li rendono più aperti alle architetture di storage software-defined e agli ambienti di cloud ibrido. Per semplificare la classificazione dei nuovi prodotti, le due aziende ne hanno anche definito alcune configurazioni chiave.

VersaStack for Hybrid Cloud è forse quella che potrebbe conquistare maggiormente le imprese perché, come lascia intendere il nome, comprende i moduli necessari a gestire lo spostamento dei workload e dei loro dati da e verso datacenter esterni all’infrastruttura IT aziendale. Per questo il nuovo sistema integra la Cisco ONE Enterprise Cloud Suite e IBM Spectrum Copy Data Management, potendo dialogare con una molteplicità di tipi di cloud tra cui ovviamente Bluemix.

L'architettura VersaStack
L’architettura VersaStack

Ma ci sono anziende che preferiscono avere tutto in casa, senza cloud ibrido o “totale”: per loro le stesse funzioni sono disponibili attraverso VersaStack for Automated Infrastructure. Concettualmente questa versione di VersaStack è analoga a quella pensata per il cloud ibrido e può contenere gli stessi moduli, ma qui l’attenzione è più sulle funzioni di software-defined storage che IBM Spectrum Virtualize può applicare alle varie unità FlashSystem o Storwize che ne fanno parte.

Un elemento su cui IBM e Cisco puntano particolarmente, per questa nuova generazione di sistemi VersaStack, è la scalabilità. Secondo le due aziende la combinazione degli storage server Cisco UCS con le funzioni di IBM Cloud Object Storage rappresenta una base tecnologica interessante per le imprese con applicazioni particolarmente esigenti.